Sentenza processo San Michele, sei condanne di cui tre per associazione di tipo mafioso (‘ndrangheta) e tre assoluzioni

La mappa dei crotonesi realizzata da La Casa della Legalità

La mappa dei crotonesi realizzata da La Casa della Legalità

Sei condanne da un minimo di 3 ad un massimo di 9 anni e 6 mesi (riconosciuto a 3 imputati reato associazione di tipo mafioso, 416 bis, ‘ndrangheta)  e tre assoluzioni. Per Toro Giovanni,  gestore della cava di Sant’Ambrogio, riconosciuto concorso esterno in associazione di tipo mafioso.

Assolto  Lazzaro Ferdinando, titolare di Italcoge, azienda di Susa coinvolta nei lavori presso il cantiere del TAV Torino Lione.

 

Sono le 12, l’aula è affollata, si attende l’arrivo della presidente, Barbero Elisabetta, per la lettura della sentenza (ricordiamo che alcuni imputati hanno scelto il rito abbreviato, arrivato a sentenza nel dicembre 2015, qui i dettagli).

 

Presidente: (…) Visto l’art. 649 c.p.p. dichiara non doversi procedere verso Toro Giovanni con riferimento all’imputazione a lui ascritta al capo 13 perché già giudicato per lo stesso fatto, pur se diversamente qualificato,con sentenza 10.10.2013 GIP Tribunale Torino, irrevocabile il 20 giugno 2014. Assolve Greco Pasquale dal capo 1 per non avere commesso il fatto, assolve Greco Luigino dall’imputazione a lui ascritta al capo 9 per non avere commesso il fatto, assolve Donato Gianluca capo 1 per non avere commesso il fatto e capo 40 perché il fatto non sussiste. Mirante Nicola asolto capo 6 e tentata estorsione aggravata capo 7 perché il fatto non sussiste. Assolve Lazzaro Ferdinando capo 13 per non avere commesso il fatto. Assolve Toro Giovanni capo 11 perché il fatto non sussiste, assolve Gatto Francesco capo 1 per non avere commesso il fatto. Perdita efficacia misura cautelare in atto Greco Pasquale x capo 1, perdita efficacia misura cautelare Greco Luigino imputazione capo 9, perdita efficacia misura cautelare in atto per Mirante Nicola riferimento imputazione capo 6.

Visti gli articoli 538.539 e 541 c.p.p. condanna Donato Vincenzo e Lubine Marian Ion, in solido, al risarcimento dei danni cagionati alla parte civile Serioli Claudio conseguenti al reato di cui al capo 12, liquidati in 10.000 Euro; condanna Donato Vincenzo al risarcimento dei danni non patrimoniali cagionati alla parte civile Serioli Claudio conseguenti reato capo 16, euro 3.000, e rifusione in solido spese processuali parte civile (4.950,00). Condanna Mirante Nicola al risarcimento dei danni morali e materiali cagionati alla parte civile Esposito Mauro da liquidarsi in separato giudizio, assegnando una provvisionale immediatamente esecutiva  di Euro 100.000. Condanna Mirante Nicola risarcimento danni morali e materiali cagionati alla parte civile ME Studio, da liquidarsi in separato giudizio; condanna Mirante Nicola alla rifusione spese processuali parte civili Esposito ed ME Studio (8.350 euro), rigetta domanda risarcitoria formulata dalla parte civile Comune di Rivoli.

Di seguito riportiamo le richieste dei Pubblici Ministeri e la condanna.

 

Donato Gianluca: RICHIESTE DEL PM:assoluzione per il fatto di cui al capo 40 perché il fatto non sussiste, concesse le circostanze attenuanti generiche in misura equivalente (…), generiche equivalenti per capo 1 (416 bis c.p. associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta) , anni 7 di reclusione.

Donato Gianluca CONDANNA:Assolto per non aver commesso il fatto e perché il fatto non sussiste.

Donato Vincenzo: RICHIESTE DEL PM: anche per lui equivalenze tra circostanze aggravanti e attenuanti generiche, recidiva, con la continuazione per tutti i capi pena finale anni 10 di reclusione.

Donato Vincenzo CONDANNA:Donato Vincenzo resp. reati capo 1 (associazione di tipo mafiosa, ‘ndrangheta), esclusa aggravante art.416bis comma 4 , capo 12,  (….) riconosciute attenuanti generiche equivalenti aggravanti, condanna alla pena di anni 9 e mesi 6

Gatto Francesco: RICHIESTE DEL PM: per i reati di cui al capo 1 (416 bis c.p. associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta) anni 7 di reclusione.

Gatto Francesco CONDANNA: assolto per non aver commesso il fatto

Greco Luigi:RiCHIESTE DEL PM:  in relazione ai capi 1 (416 bis c.p. associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta), 9  e 10 uniti dalla continuazione , ritenuto più grave il capo 9, anche in questo caso attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti, e alla recidiva, anni 11 di reclusione e 6.000 Euro di multa, reato più grave il capo 9.

Greco Luigi CONDANNA:ritenuto responsabile reati capo 1 (associazione di tipo mafiosa, ‘ndrangheta), esclusa aggravante 416bis comma 4, capo 10, escluse aggravanti art.644 comma V n.3 cp (…) riconosciute le attenuanti generiche nonché per il capo 10 attenuante 62 n.6, attenuanti equivalenti alla recidiva (…) pena anni 9 e mesi 4 di reclusione

Greco Pasquale: RICHIESTE DEL PM:  generiche equivalenti alle aggravanti e alla recidiva, continuazione, capo 10 il capo ritenuto più grave, pena finale richiesta anni 10 di reclusione e 27.000 Euro di multa.

Greco Pasquale CONDANNA:ritenuto responsabile reato capo 10, escluse aggravanti 644 comma V n.3 (…) riconosciute attenuanti generiche equivalenti alla recidiva specifica reiterata, pena anni 3 e pena 10.000 multa

Lazzaro Ferdinando: RICHIESTE DEL PM: anche in questo caso equivalenza tra recidiva e attenuanti generiche, pena finale per il capo 13 ( attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti) anni 3 di reclusione. [ ndr: apprendiamo da un’Ansa di oggi che Lazzaro Ferdinando ha patteggiato una pena di tre anni e un mese  nel quadro di un’inchiesta sul crac della Italcoge, azienda che prima di essere dichiarata fallita nel 2011 aveva svolto dei lavori legati al Tav in Valle di Susa.]

Lazzaro Ferdinando CONDANNA:Assolto per non aver commesso il fatto

Lubine Marian: RICHIESTE DEL PM: per l’unico capo per il quale è oggi imputato anni 4 di reclusione ed euro 4.000 di multa.

Lubine Marian CONDANNA:Lubine Marian resp. capo 12 (…)  condanna anni 5 di reclusione ed euro 5.500 multa

Mirante Nicola: RICHIESTE DEL PM:  attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti contestate, continuazione fra i cap 1 (416 bis c.p. associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta),6,7  e 15  contestati, pena finale anni 11, mesi 4 ed euro 6500 di multa.

Mirante Nicola CONDANNA: ritenuto responsabile reato capo 1 (associazione di tipo mafiosa, ‘ndrangheta), esclusa aggravante 416bis comma 4, capo 7 limitatamente fattispecie estorsione, escluse aggravanti art.629 II comma cp (…) capo 15 e unificati reati dal vincolo continuazione condanna anni 9 di reclusione. Perdita efficacia misura cautelare in atto disposta nei confronti di Mirante Nicola con riferimento al capo 7, dispone liberazione dell’imputato.

Toro Giovanni: RICHIESTE DEL PM: attenuanti generiche alle contestati aggravanti, continuazione tra i capi 3 ,11 ,  e 13 , ritenuto più grave il capo 11, pena finale anni 11 di reclusione e 6.000 euro di multa.

Toro Giovanni CONDANNA:ritenuto resp. reato capo 3, riconosciute attenuanti generiche equivalenti recidiva, (concorso esterno associazione di tipo mafioso) condanna pena anni 7 reclusione.

Condanna imputati Greco Pasquale, Greco Luigino, Donato Vincenzo, Mirante Nicola, Lubine Marian e Toro Giovanni al pagamento delle spese processuali e mantenimento in carcere. (…)

Greco Luigino, Donato Vincenzo, Mirante Nicola e Toro Giovanni interdetti in perpetuo dai pubblici uffici (….)

Per alcuni imputati è disposta la misura di libertà vigilata per anni 2.

Vedi anche:

 

“La mafia silente”, seconda parte requisitoria processo alla ‘ndrangheta “San Michele”

“Il punto”, “il fiore”, “una vuccunata”. Al processo San Michele prima parte della requisitoria, udienza 17 novembre 2016

TAV: per Telt, asfalto strade cantiere assolutamente in regola, ma dal processo SAN MICHELE emerge un’altra versione

La ‘ndrangheta ha infiltrato il cantiere del TAV in Valsusa, è quanto è emerso oggi all’udienza del processo San Michele

Processo San Michele, il teste Schettini “infiltrato tra i collaboratori”. Massoneria deviata, ala mite e ala esecutiva della ‘ndrangheta – udienza 18 maggio 2016

Processo San Michele, udienza 10 maggio: quelle barche in Liguria che portano i soldi a Montecarlo

“Papà perché hai denunciato la ‘ndrangheta?” La vicenda di Mauro Esposito per la residenza San Carlo di Rivoli

“Un rapporto di dominanza assoluta”. Processo San Michele, udienza 3 maggio 2016

Processo San Michele: investimenti e immobili ad alto rischio. Udienza 20 aprile 2016

Processo San Michele: prestiti a titolo di “amicizia e cortesia” – Udienza del 19 aprile 2016

Tutto per il quieto vivere. Processo San Michele, la deposizione di Lorenzo La Rosa, il caso Set Up LIVE

Processo San Michele, quello strano tavolo al Club I ROVERI “tipicamente borghese” con Maida, Ponchia (Gefim), Bruno Garzena, i Fratelli Chiesa, Luzzati.

Processo San Michele, la storia di Luisella: “una condotta di infiltrazione nell’attività economica altrui”- udienza 6 aprile 2016

Processo “San Michele”, gli amici si vedono nel momento del bisogno. Udienze del 30 e 31 marzo

“Non so, non ricordo”, la deposizione dell’ex assessore ai lavori pubblici di Bruzolo, in Valsusa, al processo per la ‘ndrina San Michele. Udienza 22 marzo 2016

Ritorno alle cave di Chivasso e in Valsusa, processo San Michele: mafie ambientali e omertà politica

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Comments are closed.

TG Maddalena - Periodico telematico ,email redazione@tgmaddalena.it