Aula Bunker, maxi processo no tav

9:40, finito l’appello inizia il primo testimone della difesa, Vair, di S.Didero.
Avv.Ghia: Lei ha qualche ruolo istituzionale?
Vair_11marzoTeste: Si, io sono vice.sindaco di s.didero e capogruppo di maggioranza in comunità montana.
Avv Lei ha partecipato ad alcune manifestazioni NO TAV? Non tutte ma ho sempre cercato di essere presente. Ho seguito tutta la vicenda no tav dall’inizio, dagli anni ’90, ricordarmi le manifestazioni no, ma quando c’era la necessità di essere presente ho cercato di esserci.
Avv Lei sa cosa fosse la libera repubblica della maddalena? Puo’ dirci cos’era?
Teste Nel maggio 2011 era, insomma, c’era un iter anche amministrativo che portava anche tutta la popolazione oltre che noi amministratori a conoscere il fatto che nella zona della maddalena sarebbe dovuto sorgere un cantiere per il cunicolo esplorativo e in quel periodo il movimento no tav ,assumendo tutta una serie di informazioni, comprese quelle avute da noi amministratori, aveva deciso di costruire un presidio nella zona per manifestare la contrarietà all’inizio di quest’opera e di questo cantiere. Sono state poste anche tende e infrastrutture che potevano ospitare convegni, un po’ di refezione, la partecipazione di personalità esterne che potessero portare il loro contributo per far conoscere al meglio la  problematica.
Avv Poi queste manifestazioni sono state effettuate?
Teste Si, per quanto mi risulta si, almeno per tutto il mese di giugno si sono susseguite serate e magari anche sabato e domenica durante il giorno, convegni, cose musicali e ricreative, convegni con personalità che potessero portare anche il loro contributo di analisi socio-economica, politica della situazione piemontese italiana anche.
Avv I terreni sui quali erano collocati le tende di cui sopra, di chi erano?
Teste La prima parte dell’area museale mi risulta del comune di chiomonte, e mi risulta che sia stato Fissore la persona principale che ha tenuto i rapporti con gli uffici del comune di chiomonte per avere l’autorizzazione a presidiare quell’area e installare delle infrastrutture mobili quali tende, gazebo o cose di questo tipo. Dietro quest’area c’era e c’è una proprietà della comunità montana con un’azienda vinicola, c’era anche una tenda di noi amministratori delle liste civiche, c’era una tenda per il pronto soccorso, una dei legali, si garantiva la presenza di qualcuno visto che la zona era abbastanza lontana da centri abitati
Avv Lei sa se il comune di chiomonte aveva rilasciato autorizzazione?
La Procura fa opposizione, perché non è oggetto del capitolato. La difesa insiste per autorizzare la premessa, cosi’ come i testi dell’accusa hanno ritenuto di fare ampie premesse, Quinto Bosio autorizza.
Avv Lei sa se la comunità montana aveva rilasciato autorizzazione?
Teste Autorizzazione scritta non ricordo, sicuramente ne era a conoscenza. Che siano stati formalizzati degli atti non saprei dire, sicuramente se n’era parlato.
Avv Lei sa se dei membri della comunità montana, compresi il presidente, sono stati presenti nella Libera Repubblica?
Procura fa opposizione, non rispetta il capitolo di prova, Bosio autorizza.
Vair: Si, ci sono state molte presenze di assessori compresi presidente della comunità montana che hanno partecipato a diversi dibattititi.
Avv Lei il 27 era presente? (SI) E cos’è successo?
Teste: il tutto era già nato la sera precedente, c’è stata una fiaccolata, un’assemblea, poi un momento ricreativo con un gruppo musicale che ha suonato in quella piana, e durante l’assemblea è emerso che era molto probabile che al mattino successivo ci sarebbe stato lo sgombero nell’area. Non era a nostra conoscenza come amministratori, cioé non c’era nessuna procedura formalizzata per installare il cantiere a fianco di quell’area dove poi è stato installato, nessuna autorizzazione formale e nessuna ordinanza che ci dicesse di non presidiare più quell’area (noi pagavamo il plateatico). Io sono stato su tutta la notte, abbiamo avuto coscienza che qualcosa sarebbe successo perché verso le 3 del mattino è stato bloccato il traffico in autostrada e non passavano più veicoli nei due sensi di marcia. Cosi’ è stato, io ero sul piazzale appunto dove c’erano le tende, sono stato anche nella zona limitrofa all’autostrada, confinante con quest’area dove c’è l’imbocco di una galleria, erano stati ammassati materiali vari per  fare barriera e impedire l’accesso ed ero in contatto con chi era alla centrale elettrica perché ci eravamo distribuiti come amministratori in tre diverse zone nei punti dove sarebbero arrivati. Io ero su quell’area li, eravamo determinati a fare resistenza passiva, il movimento aveva deciso che qualora ci fossero stati tentativi di accesso ci sarebbe stata resistenza passiva messa in atto sdraiandosi per terra e facendosi portare via a braccia. Cosi’ non è stato, io ero salito sul piazzale e non ho percepito cos’è successo ma mi sono trovato subito investito da gas lacrimogeni senza neanche capire bene da che parte arrivassero perché sapevo che alla centrale era già stato sgomberato, ma li’ ci siamo trovati lacrimogeni che non sapevamo se arrivavano da sotto o da sopra, dall’autostrada, era difficile quindi restare ma personalmente avevo deciso di rimanere per mitigare le eventuali tensioni.
Avv poi cos’è successo, avete raggiunto un accordo?
Teste Noi eravamo convinti che su quell’area non sarebbe successo niente, anzi, se posso… non avendo ricevuto nessuna notifica dell’ordinanza, l’ho saputo poi da Rino Marceca che gli era stata notificata seduta stante dal prefetto l’ordinanza che intimava lo sgombero, ovviamente essendo preclusa la zona non era possibile allontanarci, siamo rimasti li’ convinti che non sarebbe successo niente, cosi’ non è stato, anche in quell’area sono arrivati parecchi lanci di lacrimogeni, non c’era aria che facesse defluire via è diventato molto difficile respirare. Abbiamo provato a rimanere li, ho parlato al tel con il capitano Mazzanti chiedendogli cosa stava succedendo, dicendogli che non era possibile  che in quell’area succedessero quelle cose, abbiamo litigato, forse anche con Petronzi, alla fine siamo rimasti in pochi, forse anche l’avv. Vitale, abbiamo preso contatti con le forze dell’ordine chiedendogli di smettere sia di lanciare li’ che di lanciare su per il bosco, mia moglie era su per il bosco e aveva difficoltà ad arrampicarsi per la montagna, c’erano stati lanci su per il bosco, siamo riusciti a fare interrompere questa cosa e l’evento è più o meno finito li’.
Avv Avete poi raggiunto un accordo con le fdo, anche per le tende?
Teste Diciamo che il grosso dei manifestanti è uscito da sopra, dalla frazione Ramat, alcuni invece sono stati autorizzati a portare via le loro auto passando giu’ per la stradina, dalla centrale, avevo anch’io la mia auto nel piazzale, io ero tra gli ultimi, siamo rimasti li’ per cercare di organizzare anche un po’ lo smontaggio di quanto c’era comprese le tende, le più piccole sono state smontate seduta stante da me e da altri, poi abbiamo concordato che il giorno successivo o due giorni dopo, saremmo tornati per riprendere tutto quanto c’era li’ visto che non si poteva più rimanere stante l’ordinanza.

Avv lei quest’accordo l’aveva raggiunto con Petronzi?
Teste E con il capitano Mazzanti.
Avv Lei in quella circostanza ha forse chiamato Fissore perché venisse ad aiutare?
Teste si, della telefonata non ricordo di preciso, so che c’era li’ anche Fissore che aiutava a smontare, insieme ad altre persone, per accatastare il materiale .
Avv E alcune tende le avete portate via?
Teste Questo non mi ricordo, il grosso l’abbiamo ammassato li’….
Avv Lei l’ha detto ma le chiedo conferma, lei è stato uno degli ultimi a lasciare l’area?
Teste si
Avv Poi lei sa se il giorno dopo qualcuno è andato a ritirare le tende?
Teste Si, anche un no tav che era operaio al comune di san didero, Massimo Caporali, e l’abbiamo autorizzato a prendere il furgone per recuperare le tende. Io ho poi visto le tende, erano tutte sporche, c’era materiale organico o altro che lasciava trasparire che c’erano stati atti di vandalismo comprese le tende degli amministratori.
Avv lei ha detto di essere stato uno degli ultimi a lasciare l’area, le tende allora erano a posto?
Teste Si, erano sostanzialmente a posto, magari siamo inciampati in una nella fretta, ma tagliate no.
(Avv mostra foto stampate, non su monitor)
Avv.Bongiovanni: lei aveva indicato che faceva parte della Comunità Montana, giusto? Eravate rapresentati dall’Osservatorio in quella data?
Teste Mi sembra che fossimo già stati esclusi perché si poteva partecipare solo più.. la data non me la ricordo ma c’è stato un momento in cui siamo stati esclusi perché non eravamo disponibili a partecipare all’osservatorio per “la miglior realizzazione”
Avv aiuto la memoria, gennaio 2010? (Procura: più che un suggerimento è una risposta)
Teste Si, è vero 2010.
Avv Come amministratore della Comunità Montana lei si è preoccupato degli atti predisposti dal CIPE per la realizzazione del cantiere?
Teste: Ma intende il capitolato o….
Procura C’è opposizione formale
Avv Voglio solamente spiegare che l’ordinanza si basa su una delibera del CIPE
Procura ma lasci perdere il CIPE
Avv: E’ contenuto nell’ordinanza di sgombero e qui stiamo parlando di uno sgombero, legittimo o non legittimo. Lei era a conoscenza che la delibera del CIPE indicava alcune prescrizioni e che prevedeva un progetto esecutivo?
Lei è a conoscenza se nel momento dello sgombero fosse stato redatto un progetto definitivo?
Teste No, non c’era alcun progetto che legittimasse quello sgombero
Controesame della Procura.
PM: Lei chi conosceva degli imputati?
Teste se mi fa qualche nome
Avv C’è opposizione
PM E’ per la credibilità del teste
Avv Non comprendo il senso di questa domanda. (Il Presidente concorda)
PM Lei ha fatto riferimento ad un’assemblea, a quella riunione aveva partecipato Fissore Guido? (SI) Cosa si era deciso?
Teste Di continuare a presidiare l’area, c’era sentore che sarebbero arrivate le fdo per lo sgombero, quindi tutti assieme avevamo deciso, era stato deciso di rimanere a presidiare l’area in forma non violenta.
PM E queste notizie circolavano su organi di stampa?
Teste No, son sempre girate con il passaparola. Noi cercavamo anche di avere tutte le documentazioni possibili , poi era un passaparola
PM Lei era rimasto tutta la notte?
Teste No, ho fatto la fiaccolata, sono rimasto, ho persino ballato i balli occitani
PM Poi al mattino quando sono arrivate le fdo lei dov’era?
Teste Io ero nell’area prospicente le barriere dell’autostrada, poi quando sono iniziati i lacrimogeni sono salito nel piazzale sopra perché mi è stato chiesto di andare a dire due parole, per far mantenere la calma e andare via solo se costretti dal lancio di lacrimogeni ma non ho fatto in tempo a dirlo perché nel frattempo sono arrivati i lacrimogeni
PM RIcorda l’ora?
Teste verso l’alba, verso le 6
PM sono arrivati dalla galleria?
Teste avevamo sentore che all’interno della galleria, dove era stato sorpreso il traffico, ci fossero le forze dell’ordine, io poi li ho visti uscire dalla galleria
PM E intorno lei ha visto cosa stava succedendo?
Avv. Non mi sembra che in esame sia stato chiesto dell’uscito dalla galleria
PM Visto che era li’ ci racconta (Bosio ammette)
Teste: Si, ho visto uscire prima le fdo, poi un escavatore che aveva una pinza…
PM Ha visto dei manifestanti?
Teste Si, ho visto manifestanti abbarbicati sulle masserizie inerti che avevano accatastati contro le barriere antirumore e che cercavano di impedire che venissero divelte, con il proprio corpo, noi abbiamo fatto delle foto per documentare il pericolo perché la cesoia lavorava a 50 cm dai soggetti con un certo rischio
PM E sopra la volta c’era qualcuno?
Teste che mi ricordi io mi sembra di no, adesso… si, c’è stato quel signore… dovrei ricordarmelo ma mi sfugge… Turi Vaccaro era anato sulla volta della galleria, aveva fatto esercizi di Yoga ed è stato parecchio capovolto a fare Yoga poi l’ho visto scendere e scappare sull’autostrada inseguito dai gendarmi
PM Ed era da solo?
Teste in quel momento li’ mi sembra di si
PM Lei ha visto lanciare pietre o estintori contro le fdo?
Teste No perché poi quando è iniziato il lancio di lacrimogeni io sono andato sopra per fare quell’annuncio
PM Più o meno l’orario?
Teste Un estintore era stato usato con la polvere che veniva lanciata sull’escavatore, questo me lo ricordo, lancio della polvere,
PM E dove si trovava chi lo lanciava?
Teste questo non me lo ricordo. Poi io sono salito sul piano li’ sopra…
PM Lei non ha visto quando è arrivata la polizia dall’altra parte?
Teste No, io ho visto salire su polizia e Carabinieri su quell’area li, non ho visto quando è stato sfondato il guard rail
PM Alla centrale elettrica lei non c’è stato?
Teste, no ero in contatto con chi era giu’ e mi ha detto che hanno notificato e …
PM Ma prima di andare via lei ha avuto modo, nella parte dove lei si trovava, di notare pietre, bastoni, travi
Teste c’era di tutto, quindi c’erano delle costruzioni quindi c’erano sicuramente dei travi posati a fianco a gazebo e altri punti di riparo… ma se lei mi chiede oggetti per offendere no
Avv. Io pero’ mi oppongo perché un po’ va bene ma mi pare che, visto e considerato che l’ordinanza di questo tribunale, che noi abbiamo contestato più volte, ma il tribunale è stato fermo su questo, queste domande non sono conferenti a quanto abbiamo chiesto a questo teste, si cerca di far dire al teste cose che non sono capitolate
PM Ma sulle quali avete fatto le domande voi
Avv Le domande non sono state fatte sulla galleria e non da questa prospettiva che non ha nulla a che vedere con cio’ che ha spiegato Vair, invito il collegio ad applicare strettamente l’ordinanza
Avv. Novaro spiega dettagliatamente la capitolazione relativa a Vair, e si chiede come la Procura possa introdurre nuove circostanze, il PM risponde che il teste ha introdotto il CIPE.
Avv.Colletta: le chiedo conferma, lei durante lo sgombero poi è stato sull’area del piazzale, dove ci sono le tende (SI) Prima che le fdo arrivassero in quell’area lei ricorda del lancio di lacrimogeni su quell’area?
Teste Si
PM C’è opposizione, è fuori dal capitolo di prova, anche noi abbiamo fatto domanda se ha visto degli oggetti quindi va respinta anche questa (il giudice autorizza)
Avv. Le chiedo di rispondere sulle persone che occupavano l’area del piazzale durante il lancio di lacrimogeni.
Teste Si, ricordarmi dove eravamo dislocati momento per momento diventa difficile, ricordavo di Croce e Chirio che erano con me in quella zona.
Avv C’era per esempio personale medico?
Teste si, pero’ magari se mi viene fatta vedere la foto la riconosco ma dire i nomi non riesco ad associarli
PM C’è opposizione alla visione dei filmati non è oggetto dei capitoli di prova
Avv il filmato che vorrei far vedere al signor VAIR è esattamente conseguente alla domanda che le ho fatto
Presidente Sta ampliando l’esame?
Avv No, chiedo conferma e gli chiedo di dirmi se quello che ha detto corrisponde a quello che si vede nel video, se ha visto queste scene
PM Non è oggetto della capitolazione se ha visto delle scene
Avv la domanda è stata ammessa , chiedo che mi confermi….
PM C’è opposizione
(viene mostrato un video del Fatto Quotidiano, il PM si oppone perché ci sono delle didascalie “i no tav si arrendono” che suggeriscono le risposte).
Avv Il filmato è stato prodotto ed ammesso, la domanda è se si trovava in questi luoghi e riconosce queste circostanze
Teste: si, più o meno è il punto di visione in cui mi trovavo anch’io, quelle sono le tende di quella zona che poi abbiamo provveduto a smontare, quelle piccole.
Avv. Le faccio poi vedere un altro spezzone di video prodotto dalla procura, le chiedo di confermarmi se lei fosse in quei luoghi cosi’ come ha detto precedentemente. Gaia parte seconda, procura, minuto 9:20
PM E’ lo stesso filmato che ci è stato negato prima… Cernecca….
Avv No, questo  è GAIA parte seconda, 9:20, siamo al piazzale dove sono arrivate le forze dell’ordine, chiedo al signor Vair se questi sono i luoghi in cui si trovava
Vair, si, dovevo essere proprio li, stavo cercando di individuarmi ma non mi sono visto
Avv sono queste le circostanze cui prima faceva riferimento?
Teste si, qui siamo un po’ avanti perché prima sono arrivati i lacrimogeni poi è arrivato il contingente delle fdo
Avv Ecco le chiedo di guardare, lei ricorda se sono stati lanciagi oggetti dalle fdo?
Teste Non lo ricordo….
Avv l’ha visto?
Presidente No questo non l’ammetto
Avv Bertone: Che lei sappia dopo lo sgombero quell’area  è rimasta a disposizione delle fdo?
Teste si, credo presidiata dalle forze dell’ordine giorno e notte
Avv Quindi lei si ricorda più o meno l’ora in cui le fdo hanno completato lo sgombero e i manifestanti si sono allontanati dall’area, grosso modo?
Teste Il grosso dei manifestanti credo che le 8 le 9 fosse tutto via, poi ci sono ancora stati dei manifestanti a smontare le tende, nell’arco della mattinata l’area è stata liberata.
Avv. Possiamo dire che dal pomeriggio in poi l’area sia rimasta nella completa disponibilità delle fdo?
Teste SI
Avv le risulta che nella notte estranei si siano infiltrati nell’area?
Teste ribadisco, sicuramente quell’area è stata presidiata da contingenti nutriti e numerosi delle forze dell’ordine, se qualcuno sia entrato o meno non è nelle mie facoltà fare supposizioni del genere.
PM: Volevo chiedere una cosa sulla Libera Repubblica (il giudice fa notare che dovrebbe essere finito, se non c’è opposizione ammette la domanda). Gli avvocati chiedono di sentire la domanda.
PM: La scelta del territorio della repubblica della maddalena è stata fatta da chi?
Teste Eran decisioni che venivano sempre fatte da molte persone, il movimento si confrontava con assemblee e in quell’ambito venivano decise e organizzate le cose
PM Ma perché in quel luogo e non altri luoghi limitrofi?
Teste perché c’erano degli studi, dei dati, delle progettazioni in possesso anche degli amministratori che quell’area sarebbe dovuta essere oggetto di cantierizzazione per lo scavo della maddalena, che nel 2005 doveva essere a venaus poi è stato deciso di spostarlo in quell’area, quindi i manifestanti si spostavano nei luoghi dove si pensava potesse succedere qualcosa, come è successo per i sondaggi.
Avv.Ghia Ma il piazzale della maddalena era oggetto nel cantiere o il cantiere era esterno?
Teste era assolutamente esterna, l’area museale e l’area della comunità montana dovevano essere escluse dal cantiere, il cantiere doveva essere nella valletta di li’ in giu’, verso valle.

Tobia chiede di poter fare una dichiarazione, concesso. “Solo una precisazione su quanto ho sentito. Io sono rientrato sul piazzale ed è iniziato il lancio di lacrimogeni, nei giorni precedenti avevamo predisposto dei bidoni d’acqua, una decina, nelle nostre intenzioni avremmo dovuto metterci i lacrimogeni in modo da spegnermi e io mi sono adoperato a questo lavoro, raccogliere i lacrimogeni e infilarli in questi bidoni ma ci siamo resi conto che era impossibile perché il lacrimogeno per la pressione del gas anche immerso nell’acqua non si spegneva, e ad un certo punto i bidoni erano delle bocche di fuoco e usciva una nuvola di gas, questo per dare un’idea della grandissima quantità di lacrimogeni che è stata lanciata e che non si può capire neanche dai video se uno non è stato presente in quel momento.”

Teste Valentina Cancelli.

Cancelli
AvvGhia Lei ha partecipato a manifestazioni no tav?
Teste Una miriade da quando sono adolescente. Io sono assessore alla cultura per il comune di Villarfocchiardo. La Libera repubblica era un luogo estremamente piacevole, abbiamo svolto incontri anche di una certa levatura morale, professori come zucchetti, Vattimo, poi esponenti del movimento Gandhiano
PM Qual è la rilevanza della domanda? E c’è opposizione …. sentire delle traduzioni….
Avv La mia capitolazione sulla teste, tra le altre cose, potrà definire su circostanze contestate all’imputato… e visto che sono tante e collocate in alcuni situazioni io credo che la descrizione… veloce, del contesto.. le chiedo, a questo punto, visto che credo abbia già risposto, se lei conosce Guido Fissore
Teste Certo, molto bene, siamo amici e colleghi in comune, in associazioni di volontariato
Avv Lei era in zona limitrofa il 27?
Teste Si, la notte l’ho passata sul piazzale, dopo l’assemblea, la mattina io ero sul piazzale di fronte alla centrale, insieme  a Luigi Casel e Giorgio Vair per discutere con le fdo. In assemblea si era deciso di fare resistenza passiva e noi avevamo detto che dato che un pezzo di terreno era della comunità montana, quindi in caso di difficoltà chi avesse avuto problemi avrebbe potuto collocarsi su questo territorio dove noi avevamo messo l’unità di crisi, una tenda degli amministratori,  una tenda d’infermeria, avevamo detto di mettersi li’.
Avv E lei si trovava dove?
Teste Alla centrale davanti ai cancelli
Avv lei sa se era stata richiesta l’occupazione dei terreni al comune di chiomonte?
Teste si, era stata richiesta e concessa
Avv lei sa se Fissore aveva problemi alla caviglia?
Teste si, si era fatto male giocando con dei ragazzini a basket perché fa volontariato
Avv Lei si ricorda dov’era il 27 giugno Fissore?
Teste Non ricordo dove fosse prima, ricordo sicuramente che dopo il dialogo con le fdo il signor Fissore era agganciato al cancello.
Avv ricorda se avesse un fazzoletto sul viso?
Teste No, assolutamente no. Forse l’ha alzato quando hanno tirato i lacrimogeni e avessi avuto un fazzoletto anch’io forse l’avrei tirato su anch’io. Ricordo bene il lancio dei lacrimogeni perché li ho respirati anch’io… avrei fatto anch’io resistenza passiva ma non ce l’ho fatta, poi ho iniziato a scappare verso l’alto ma non è bastato…. mi sentivo soffocare
Avv Lei ha visto lanci di oggetti?
Teste No e penso che me lo ricorderei perché sono una di quelle che protestano con veemenza quando si lancia qualcosa, ho visto un signore che lanciava vernice e che mi disse “la vernice non fa male”…
Avv Lei si ricorda cos’ha fatto fissore dopo il lancio di lacrimogeni?
Teste Non si vede bene quando si è annebbiati da lacrimogeni… ma l’ho visto scappare, quando era sul cancello ho visto che sotto aveva una specie di testuggine e dava dei colpetti sugli scudi…
Avv Le risulta che Fissore abbia colpito violentemente qualche agente?
Teste era impossibile che colpisse con violenza da quella posizione
Avv Lei è in grado di escludere che abbia colpito qualche agente ad esempio sui piedi?
Teste sui piedi è impossibile, non sarebbe mai arrivato ai piedi, per l’altezza e per come erano messi
Avv Lei poi ha raggiunto il piazzale?
Teste No, non ce l’ho fatta, perché lanciavano lacrimogeni, e non me la sono sentita.. sono scesa poi dalla strada che porta all’abitato di chiomonte e ho visto il piazzale dove io sapevo essere i miei amici era annegato da lacrimogeni, compreso lo spazio dove noi avevamo detto di rifugiarsi ma era il posto più ricoperto da lacrimogeni.
PM Lei ha detto che ha partecipato alla fiaccolata, è corretto?
Teste eravamo migliaia, io non ho fatto la fiaccolata con lui, non so…
PM Che percorso aveva fatto la fiaccolata?
Teste io mi ricordo la fiumana umana che saliva verso la maddalena…
PM Non ho capito bene quando lei ha detto “io mi sono collocata alla centrale elettrica ” assieme a chi?
Teste Mi pare Luigi Casel e Giorgio Vair.
PM Lei ha detto che il signor Fissore si era fatto male molto prima, sa dirmi quanto prima?
Teste No, non ricordo quanto….
PM Dove si trovava lei quando Fissore era sul cancello?
Teste:eh io ero salita su un muretto in alto, di fianco al cancello
PM Adesso le faccio vedere il signore a sinistra e quello vicino che cosa stavano facendo, se lei per caso ha notato (cernecca seconda parte,7:55) Ha visto quel lancio di pietre? Non si è accorta?
Teste No, francamente no
PM Le mostro un altro pezzo del video… puo’ indicare il punto in cui si trova?
Teste potrei essere quella in piedi, sulla sinistra, con la fascia tricolore
PM Proseguiamo, andiamo leggermente avanti, la scena è poco dopo…. (il video mostra due persone che stanno tagliando l’albero, il teste nega di essersi accorta della scena)
PM Ha avuto modo di osservare delle barricate?
Tste Si, c’erano delle barricate
PM Ora gliene mostro una, se la ricorda….
Teste: si, ho prsente dov’è, ricordo che c’erano barricate…
PM Grazie non ho altre domande
Avv.Ghia Le chiedo solo conferma, se lei ricorda lanci di oggetti prima del lancio di lacrimogeni
Teste: No, non ricordo lanci prima dei lacrimogeni
Avv.Ghia: esibirei un pezzo di video che raffigura la teste assieme ad altri admin
Teste: Davide Bono, Rino Marceca, Luigi Casel, non vedo nel mezzo Vair, evidentemente mi sono sbagliata.
Avv.Bertone: per contestualizzare la sua posizione produco un video, estrapolato da YouTube, dal titolo sgombero presidio, della durata 1:19. Lo produco su supporto informatico chiavetta USB.
PM Una nuova produzione? Dovremmo prima vederlo e poi valutare. Ci date la chiavetta, lo guardiamo e poi lo date al collegio.
Gli avvocati della difesa chiedono di poter consegnare la chiavetta alla procura sospendendo un attimo l’udienza. l’avvocato Bertone specifica che la sua domanda riguarda gli ultimi 10 secondi del filmato. La Procura spiega che lo stanno già guardando su Internet. Si procede.
IL FILMATO:

Avv.Bertone: Dr.ssa Cancelli, stiamo commentando l’immagine di questo video, lei riconosce  la scena?
Teste Si, quando cercano di tirare giu’ il cancello…
Avv. Guardi questa scena, lei si ricorda se le forze dell’ordine abbiano sparato prima dell’eventuale lancio di oggetti da parte dei manifestanti?
Teste io direi proprio di si, io ricordo dei lacrimogeni prima che succedesse alcunché
Avv quindi questa scena del tiro diretto del lacrimogeno prima che succedesse alcunché le è familiare
Teste SI
Avv. Non ho altre domande, grazie.

L’avv.Vitale mostra ancora delle immagini alla teste, il momento è sempre quello in cui arriva la ruspa, si vede sul lato sinistro una nube di lacrimogeni. “Si, io ero all’interno di quella nube”, conferma la teste.

Inizia la deposizione del teste Davide Bono, Consigliere Regionale Movimento 5 Stelle. (la trascrizione da questo punto viene fatta da Eleonora Forno)

DavideBono

Viene chiamato a testimoniare il consigliere regionale Davide Bono, che ricorda la sua partecipazione a varie iniziative della cosiddetta Libera Repubblica della Maddalena.
Dichiara di essere a conoscenza che il movimento con regolare richiesta aveva chiesto uso di tale territorio, mentre una parte era della Comunità Montana.
Dichiara di aver visto il 26 e 27 giugno, essendo presente sul luogo, in prossimità Centrale, all’alba del 27 in località Centrale, all’arrivo delle FF.OO.
Opposizione pm poiché non si parla di area archeologica
Difesa dice che si tratta di distanza max di 500 m, quindi irrisoria.
Riprende Bono, che dice che in qualità di amministratore controllava il tutto, e che al lancio dei primi lacrimogeni si era affrettato a continuare a controllare, era davanti al cancello, con alle spalle via dell’Avanà, sulla destra. Vide l’agganciamento del cancello nonostante sopra ci fossero delle persone, e accadimenti noti della stampella del sig. Fissore che cercava di impedire l’aggancio delle catene, e che certamente non colpì alcuna persona fisica. Non ricorda se aveva un fazzoletto addosso, usati poi solo a seguito lancio lacrimogeni come forma di protezione. Nega in maniera netta “assolutamente non c’è stato alcun lancio di pietre prima del lancio di lacrimogeni”. Attesta che i lacrimogeni venivano lanciati addosso ai manifestanti, e di essersi poi recato al piazzale, dove si era detto esistere zona franca e sicura, mentre vennero lanciate grandi quantità di lacrimogeni addosso a donne e anziani, “un uso smodato”, lanciati senza tener conto che si poteva conciliare in modo diverso, “io cercai di salvare me stesso e purtroppo scappato nel bosco non potei aiutare come avrei voluto”. Poi risalito, controllò lo sgombero cercando di salvare le tende ormai però in parte distrutte. Era a conoscenza delle trattative con alcuni amministratori, e il giorno dopo qualcuno fu autorizzato a tornare il giorno dopo, quando trovò tende tagliate e insozzate da “liquidi corporei”.
Bongiovanni: “E’ mai stato colpito da lancio di lacrimogeno?”
Bono: “sì, il 3 luglio”
Opposizione pm, non si tratta di questa manifestazione.
Difesa mostra video de Il Fatto Quotidiano e chiede conferma di quanto visualizzato.
Bono conferma e aggiunge di essere stato nel bosco, poi sul piazzale e poi sceso dagli altri amministratori, e di avere lì atteso anche per capire come potere tornare in Regione a Torino.
La difesa mostra immagini dal piazzale dove ci sono alcuni amministratori e chiede conferma della sua presenza in quel momento, Bono dichiara di non aver visto in particolare quel lancio di quel lacrimogeno su quel manifestante.
Pm chiede da che ora era lì.
Bono: dalla sera prima, fatto notte all’aperto
Pm: ha visto Guido Fissore nei momenti di aggancio cancello?
Bono: ero a 6 7 metri, lacrimogeni non ancora sparati
Pm: ha visto manifestanti tirare pietre?
Bono: no.
Pm chiede poi se si riconosce in alcune immagini con la macchina fotografica, ma le immagini sono confuse. Bono conferma di essere stato lì in prossimità del cancello, e si torna al riconoscimento di Fissore, della sua stampella, e del numero di persone attaccate e quindi a rischio. Se ne discute il numero e si fa vedere un gruppo di persone che stanno segando un albero. Bono non sa dire se erano manifestanti o FF:OO.
Pm insiste sul taglio dell’albero, Bono dichiara di aver visto primi lacrimogeni ma nessun lancio di vernici in quei momenti. Bono nega, in quanto a quel punto si era già allontanato dalla zona.
Filmato ore 7.54: anche qui il pm gli chiede conto di come mai non ha visto alcuni lanci di oggetti da parte dei manifestanti dall’alto in via dell’Avanà, Bono risponde che c’era fumo e che si era già allontanato, di non averli visti.
La difesa infatti lo mostra in altro minuto quando Bono parlava con gli avvocati sulla strada, quindi non era in alto come ventilato dal pm.
Scaramuccia tra difesa e pm su quanto poteva vedere Bono e su cosa intendesse per tante persone attaccate al cancello: intendeva anche quelle sulla strada, per quello ha detto tante. Stesse domande già fatte da procura se il consigliere ha visto lanci pietre – risposta no, e lacrimogeni – risposta sì, vengono contestate dal Pm.
L’avv. Bertone – colpo di scena – chiede conto al pm Padalino di una sua frase appena ascoltata: “E’   proprio tonto…” e a chi si riferisse, se al teste o a chi.
Imbarazzo, “lasci perdere…”, e si va oltre, chiede il giudice.
Avv. Bertone chiede poi se si ricorda di avviso  ai manifestanti da parte delle FF:OO su manifestazione non autorizzata, uno squillo di treomba, 2 squilli di tromba, 5 squilli di tromba. Risposta: no, no , no.
Avv: Bertone mostra ulteriore scena su aggancio con catene da parte agenti a cancello, e chiede ulteriormente se avesse visto lancio di pietre. Risposta: no. Lancio lacrimogeni, risposta: sì.
Si torna a chiedergli su quando fu colpito personalmente da un lancio di lacrimogeno.
Opposizione pm, e giudice conferma domanda non essere già stata ammessa e a verbale.
Difesa chiede lettura verbale su opposizione o meno, Bosio ammette non esserci a verbale, almeno io ho capito così.
Difesa chiede ulteriori chiarimenti su cosa si prova ad essere colpito. Opposizione pm., sconcerto difesa, agitazione in aula, si parla di economia processuale a senso unico.
Gli viene ancora chiesto suo ruolo nel contesto, e Bono ribadisce di ricordare discussione su zona “franca” su piazzale, perché la gente non si facesse male. C’era un contenzioso sull’ordinanza, pare di ricordare a Bono, che non ricorda di avere visto materialmente.

Paolo Anselmo - Cattolici per ValleAltro teste: PAOLO ANSELMO (riprende a trascrivere S.Zandiri), di Bruzolo. Ha partecipato a molte manifestazioni no tav, quasi tutte, dice. Con sua moglie, altri amici, quasi a tutte. Avv Lei sa cosa fosse la libera repubblica della maddalena?
Teste esattamente non so, ma se si riferisce al luogo dove c’era il raggruppamento su alla maddalena di aver frequentato quel luogo abbastanza. Le mie cautele prima di frequentare quel luogo era di non commettere illeceità, ma quando ho avuto rassicurazioni che l’area con gazebo e capannoni, dove si faceva da mangiare, era un’area che era stata concessa, mi pare di ricordare pagando anche un plateatico, non mi son fatto problemi quindi frequentavo quella zona
Avv Lei sa se sono state organizzate manifestazioni?
Teste lo so di certo, ho partecipato quasi a tutte, una sera si parlava di filosofia, poi di sport, socialità, economia, Alcune sere ci sono stati dei complessi che venivano a suonare li’, c’era un’atmosfera socialmente che mi piaceva perché ho avuto la possibilità di verificare che c’era una discreta osmosi sociale tra giovani, anziani, persone di tutti  i ceti e di ogni età e si stava anche fino a notte fonda a discutere di questi problemi. Io il 26 sera ricordo di aver lasciato la macchina a Chiomonte e di aver raggiunto la fiaccolata, faccio parte di un gruppo Cattolici per la Vita della Valle, il 15 maggio dello stesso anno abbiamo creato un pilone votivo vicino alla baita, titolato alla Madonna del Rocciamelone, e tutte le sere o quasi andavamo a pregare li. La stessa sera, ricordo perfettamente, che forse con qualche sacerdote siamo andati li’ dove c’era l’icona della Madonna e abbiamo fatto una veglia di preghiera che si è protratta
Avv Poi lei ha partecipato ad un’assemblea?
Teste si, ho ascoltato, quello che mi tranquillizzava è che le considerazioni erano quelle di avere un atteggiamento assolutamente passivo, di non creare tensioni, anche perché in questi gruppi era massiccia la presenza dei comitati non violenti, quindi il non contrapporsi mi tranquillizzava e ho deciso di passare la notte in quel luogo. All’alba abbiamo visto sull’autostrada movimento di fdo, io sono rimasto nel piazzale perché convinto che essendo un’area non di cantiere, un’area in concessione, avevamo pagato, ho detto stiamo qui e vediamo cosa succede. Con me c’era moltissima gente anziana e giovani, poi ad un certo punto dalla parte bassa sono cominciati ad arrivare….
Avv la strada dalla centrale?
Teste si, da li’ abbiamo visto arrivare un massiccio quantitativo di lacrimogeni, ma proprio tanto, allora ci siamo spostati dietro il museo e li’ continuavano ad arrivare dei lacrimogeni ma quando sono andato via io sul piazzale forze dell’ordine non ne ho viste, arrivavano fdo da sotto, io mi sono allontanato, ricordo di essere caduto più volte perché non avevo protezione, solo un fazzolettino, mi ricordo che dei ragazzi mi hanno aiutato a tirarmi su e poi mi sono incamminato verso la Ramat. Il sentiero era molto ripido, e la cosa che ci faceva andare con ansia era che i lacrimogeni arrivavano anche li’, sul sentiero, nella boscaglia. Eravamo in mezzo, i lacrimogeni arrivavano da una parte e dall’altra, dovevamo accelerare il passo, poi pian piano salendo i lacrimogeni non sono più arrivati e l’aria è diventata respirabile, ricordo che in cima poi c’era una fontana e mi son fermato li.
Avv ricorda con chi era?
Teste c’erano degli amici, e anche dei sindaci, età media, c’erano anche famiglie, mi ricordo perfettamente, anche degli anziani, abbastanza.
PM: Senta l’assemblea del 26, la sera del 26, si erano decise delle iniziative per il giorno successivo?
Teste Guardi io ho partecipato, iniziative no, ma io ricordo perfettamente delle indicazioni di fare non resistenza passiva, di aspettare sul piazzale e di vedere cosa succedeva, c’era quasi l’idea di confrontarsi e andare a discutere con le fdo, la raccomandazione fatta a tutti era di stare calmi, di non avere i nervi testi, e io non ho sentito iniziative per il giorno successivo, anche perché poi con le pile siamo andati a pregare al pilone che era sotto, quindi non so se quando mi sono spostato abbiano detto di iniziative….
PM Si, nell’eventualità fosse arrivata la polizia
Teste io ho sentito in assemblea di mantenere la posizione, di stare fermi, e di andare a discutere con le fdo che arrivavano ma questo non è stato possibile perché poi tutti si sono spostati, o quasi tutti, perché arrivavano i lacrimogeni
PM Ma durante l’assemblea è stato detto che una parte doveva andare alla centrale o in altri punti?
Teste io non ho sentito
PM Quindi lei è andato alla centrale elettrica?
Teste io non sono mai andato alla centrale elettrica, non mi sono mai mosso da li, dalla parte alta.
PM Fissore Guido lo conosce?
Teste si, lo conosco m dovessi dirle, c’era un mare di gente, anche perché prima dell’assemblea era stato fatto un concerto con tantissima gente.
PM Lei ha detto che il giorno prima è stato in vari punti della Libera Repubblica, l’ha girata, no?
Teste si,
PM In che luoghi è stato la notte del 26?
Teste si, sono passato, ho fatto la fiaccolata da Chiomonte, dal ponte e poi sulla strada dell’avanà fino alla maddalena,
PM Ha avuto modo di notare barricate lungo il percorso?
Teste No c’era tantissima gente, alla centrale mi ricordo che c’era una specie di cancello aperto
PM E prima della centrale non ha visto barricate?
Teste No, assolutamente (il PM Mostra un video Cernecca seconda parte, si vedono delle barricate)
PM Lei ha avuto modo di vedere queste barricate?
Teste No, quando ho percorso la strada non c’erano, altrimenti le avrei notate, poi io non sono più passato da li.
PM Ma il corteo a che ora è arrivato alla centrale?
Teste penso all’ora di cena
PM Poi proseguiamo lungo strada dell’avanà. saliamo verso il museo. Quest’altra barricata ha avuto modo di notarla? Qui siamo ad un agriturismo
Teste io barricate cosi’ non ne ho notate
PM Quindi la sera prima non c’erano
Teste No, senno’ le avrei viste
PM Queste balle di paglia?
Teste No, mi scusi, io non le ho viste…
PM E sotto il museo archeologico?
Teste sotto li dove c’era l’autostrada c’erano delle sterpaglie e degli alberi…
(Il PM mostra un video)
PM Sono queste le sterpaglie?
Teste no, io ho visto solo alberi e sterpaglie, ma poi mi sono spostato a pregare al pilone, c’è un sentiero che scendeva giu’ dove abbiamo allestito il pilone e io sono sceso li’.
PM Rispetto al museo archeologico lei è sceso da questa parte?
Avv Io formulo opposizione, le domande di carattere generale ok, ma…
PM Saggiamo la credibilità del teste
Avv ma si parla di tutt’altro
Incalzano le domande del PM che puntano a capire se il teste ha assistito a lanci di oggetti, il teste risponde che al primo lancio di lacrimogeni ha abbandonato l’area, quindi non ha visto niente, ha dovuto allontanarsi perché non riusciva più a respirare. L’avv.Vitale chiede se lascia il museo e inizia a percorrere i sentieri verso la Ramat, il teste risponde affermativamente.
Avv Nel luogo dove era lei arrivavano i lacrimogeni?
Teste si, sul piazzale e anche dopo, anche sul sentiero della Ramat
Avv nel luogo dove era lei qualcuno tirava pietre, estintori o altro?
Teste sul piazzale? No, c’era un gruppo di gente, giovani, anziani e amministratori, aspettavamo che arrivasse qualcuno, assolutamente no.
Avv. Colletta: Lei prima ha riferito di lacrimogeni che arrivavano da sotto, da via del’Avanà?
Teste si… (L’avvocato mostra un video, si vedono agenti da via dell’Avanà lanciare lacrimogeni verso l’alto). Il teste sembra disorientato.
Teste: Per me strada dell’Avanà è quella dove c’è l’agriturismo…
Avv Lei di qui, quella che vede sopra il casco è via dell’Avanà.. rispetto a strada dell’Avanà il piazzale dove si trova?
Teste Non riesco a capire bene ma dovrebbe essere a sinistra oltre quella collinetta
PM Diamo atto che il teste non l’ha riconosciuta come strada dell’avanà (l’avvocato mostra nuovamente il filmato)
Teste Scusi ma con tutta la buona volontà come si fa a riconoscere una zona… non riesco a capire cos’è quello, un ponte?

Teste BERTOLO Silvio, di Almese.

Avv. Lei è un sacerdote?
Teste si, parroco nella parrocchia di Almese, prima fino al 2012 ero a Condove. Ho partecipato a delle marce NO TAV, da Susa a Venaus, poi il 16 novembre da Bussoleno a Susa.
Avv lei sa cosa fosse la libera repubblica della maddalena?
Teste io ho solo sentito questo termine, l’ho letto sui giornali, ma di più non mi sono interessato
Avv lei è mai andato sul piazzale collocato in prossimità del museo di Chiomonte?
Teste io sono stato li’ la sera del 26 giugno 2011, partecipai alla fiaccolata da Chiomonte fino alla Maddalena, poi con un gruppetto di altre persone ci siamo appartati su un angolo non proprio sul piazzale e abbiamo fatto un momento di preghiera.
Avv Lei sa se nei pressi del piazzale La Maddalena era stato costruito un pilone?
Teste si, io ero stato a vedere il pilone il 29 maggio 2011, era stato fatto verso l’8 maggio io non ero presente, la domenica 29 maggio ebbi l’opportunità di andare e andai proprio a vedere il pilone poi con un gruppo di persone abbiamo pregato vicino a questo pilone.
Avv mi rendo conto che è una domanda particolare, ma queste preghiere a cosa erano finalizzate?
PM C’è opposizione, non c’è nessuna rilevanza….
L’avvocato insiste, definendola una domanda che si può formulare, poi decida il collegio. Il collegio approva.
Teste: noi abbiamo iniziato a pregare per questa situazione che si è creata in valle verso il 2010 è nato questo gruppo di preghiera che si è denominato Cattolici per la vita della valle, proprio per una situazione grave, una profonda spaccatura fra coloro che erano favorevoli al TAV e coloro che erano contrari. E questo disagio si è sperimentato anche nelle nostre comunità parrocchiali, purtroppo si è visto che l’essere pro o contro il tav creava dissapore, malumore tra le persone. Poi anche valutando le motivazioni per cui si pensava di essere pro tav o contro il tav si è pensato che fosse opportuno pregare come cristiani anzitutto perché la valle non si spaccasse ancora di più in queste due posizioni e soprattutto perché ci fosse la salvaguardia del creato, noi siamo profondamente convinti che l’uomo è stato posto nel creato come responsabile, deve assicurare il rispetto del creato, è tutto a suo beneficio
Avv Lei il 27 era presente in quei luoghi?
Teste No, io sono stato li la sera e dopo la preghiera, verso le 23, mi sono allontanato….

Teste CHIARA SASSO, di BUSSOLENO. Il PM chiede se è parente di un imputato di questo processo, la Sasso risponde negativamente. Il PM chiede se è moglie di Palumbo Ulisse. Gli avvocati non capiscono la rilevanza delle domande.
Avv.La Macchia: Lei abita da tempo in Val di Susa?
Teste Si.
Avv Si è occupata e da quando della questione del movimento NO TAV?
Teste Ho una data che mi permette di essere precisa, il 14 dicembre 1991 quando a Condove è stato fondato il comitato Habitat, quindi facendo due anni prima come dire una parte di attività e poi il 14 dicembre con questa associazione fondata.
Avv da allora si è sempre occupata dei temi del movimento?
Teste si.Ho anche scritto, ad oggi 21 libri sul sociale e di questi 5 riferiti al movimento no tav e alla storia del movimento no tav.
Avv Lei ha partecipato anche a manifestazioni indette dal movimento no tav negli anni?
Teste Quasi sempre
Avv in particolare ha partecipato anche alle manifestazioni del 27 giugno e 3 luglio 2011?
Teste si, a tutte e due.
Avv. Lei ricorda se prima fosse stato installato un presidio alla Maddalena?
Teste assolutamente si
Avv Il presidio è quello che viene normalmente indicato come libera repubblica della maddalena?
Teste si, è quello
Avv che tipo di attività venivano svolte e fino a quando venivano svolte?
Teste credo che il presidio sia stato attivo per un mesetto, le attività erano prettamente culturali, politiche, intervenivano scrittori, giornalisti, operatori sociali, etc.
Avv era anche un luogo di ritrovo per la comunità locale?
Teste si, era un luogo di ritrovo, era stata allestita una grande cucina, ricordo lo striscione Restiamo Umani come simbolo per Vittorio Arrigoni, ricordo la tenda degli amministratori e sindaci come punto di ritrovo, e  poi un tendone per i dibattiti, anzi c’erano due punti perché le richieste di partecipare erano talmente tante che non si riuscivano a mettere in scaletta una dopo l’altra quindi si erano fatti due punti.
Avv Lei nei giorni prima ricorda se si fosse diffusa la notizia di un possibile intervento delle fdo?
Teste si, assolutamente si.
Avv per quel presidio era stata richiesta al comune l’occupazione suolo pubblico?
Teste mi pare di ricordare di si
Avv la sera del 26 giugno lei ha partecipato ad un’assemblea per discutere del possibile intervento delle fdo?
Teste si, ma sono arrivata tardi perché sono rimasta ad aspettare il prof. Marco Revelli che non conosceva la strada, l’ho atteso sulla SS25, non ho partecipato alla fiaccolata.
Avv la fiaccolata quando era stata indetta?
Teste non ricordo, forse qualche giorno prima…
Avv quindi si è recata con il prof Revelli ed è arrivata quando l’assemblea era in corso?
Teste si, eravamo stupiti della presenza di alcune migliaia di persone
Avv era stata decisa un’ipotesi di condotta nei confronti delle fdo?
Teste si, poiché le persone erano comuni cittadini la parola d’ordine era che avremmo fatto resistenza passiva sedendoci a terra e facendoci spostare
Avv nella sua esperienza che poi ha trasmesso nei suoi scritti, ha mai rinvenuto una componente violenta nel movimento no tav?
Teste tutto quello che io posso dire è che è sempre stata un’opposizione assolutamente pacifica e popolare.
Avv Lei ricorda un’altra serie di episodi….
Teste Nel 2005, è stato l’anno dei presidi, il 21 giugno Borgone, poi Bruzolo e Venaus, sono stati tre momenti vissuti….
Avv Glielo chiedevo solo per avere conferma, in quelle occasioni c’erano stati momenti di violenza?
PM C’è opposizione, siamo completamente fuori tema, fuori dalla capitolazione, potremmo anche parlare della calata di ANNIBALE DALLE ALPI
Avv. se vogliamo fare gli spiritosi.. voglio parlare di un altro momento nella storia del movimento in cui c’era stata una contrapposizione con le forze dell’ordine, quindi voglio sapere se anche in quel momento fosse stato mantenuto quel tipo di impostazione
PM Continua ad esserci opposizione. Il Giudice NON ammette la domanda:
Teste: dopo l’assemblea mi sono fermata tutta la notte sul piazzale, con un migliaio o 1500 persone. C’erano delle tende ma la maggior parte delle persone non ha dormito. Io ero con Marco Revelli, ricordo Giulietto Chiesa, moltissimi giornalisti, tante tv, abbiamo passato la notte bevendo caffè e mangiucchiando.
Avv in quel momento le tende erano integre?
Teste si, anche perché ospitavano le persone che avevano la tenda e quindi potevano dormire.
Avv Poi cos’è successo?
Teste al mattino c’era un tam tam di notizie che parlavano di blindati visti sulle strade e quindi una parte di noi si è spostata al cancello di chiomonte. Io sono rimasta sul piazzale della maddalena, anche se ho accompagnato Revelli che doveva rientrare in università e poi son tornata indietro.
Avv Ha poi assistito al lancio di lacrimogeni?
Teste si, mi trovavo sul piazzale, ho assistito anzi ho subito il lancio e ci siamo arretrati tutti sulla montagna verso la Ramat, per cercare di scappare verso la Ramat, siccome eravamo tutti non solo con le mani nude ma senza nessun altro tipo di protezione, questi gas lacrimogeni ci hanno reso molto difficile la salita verso la Ramat, tanto più che venivano scappati nel bosco per cui noi scappavamo dalla parte sottostante i gas e ci trovavamo immediatamente nella parte altra perché ce li buttavano sulle nostre teste, rientravamo nella nuova nube tossica. Ho visto persone che vomitavano e che facevano difficoltà a respirare, fin quando questi 300 metri, io mi trovavo con Giulieto Chiesa che non aveva scarpe adatte, faceva un passo avanti e due indietro, che faceva dei riferimenti, essendo lui un giornalista abituato a situazioni di guerra, riferimenti pesanti a quello che stava vedendo. Finalmente siamo riusciti a sbucare alla Ramat e la gente della frazione ci è venuta in soccorso. Ricordo che mentre stavo salendo ho ricevuto una telefonata da Lampedusa perché seguo un progetto e ho raccontato in diretta quello che stava succedendo, era abbastanza incredibile per le persone che ascoltavano le mie parole.
Avv quando lei era sul piazzale, ha visto se ci fosse stato lancio di pietre o oggetti da parte di qualcuno?
Teste No, anche perché noi siamo arretrati immediatamente verso il bosco
Avv Lei ricorda che ci fosse il signor Anselmo sul piazzale con lei?
Teste non ricordo ma presumo di si
Avv Dopo dalla ramat poi….
Teste siamo rientrati a piedi fino a Chiomonte poi ognuno è andato a casa, insomma
Avv lei ha poi partecipato alla manifestazione del giorno 3?
Teste si
Avv ricorda per cosa era stata indetta?
Teste non ricordo il titolo della manifestazione ma credo sia stata una risposta a quello che era successo, era una manifestazione enorme con una partecipazione di sindaci e amministratori ricordo molti da tutta Italia
Avv lei ricorda se era divisa in troncone e lei a quale parte ha partecipato?
Teste da Exilles a chiomonte, forse era divisa ma non ricordo.
Avv.Ghia lei ha detto che il 27 si trovava sul piazzale, quando sono arrivati i lacrimogeni c’erano già le fdo sul piazzale?
Teste non ricordo, ricordo molta confusione e poi i lacrimogeni. in quel momento c’erano un migliaio di persone, non so dire quanti giovani e quanti anziani, ma c’erano entrambi, la popolazione normale che partecipa alla manifestazione. Persone che si incontrano normalmente nei negozi, nei mercati, nelle assemblee, i cittadini che non vengono mai rappresentati dalla televisione e dai giornali perché la fotografia che fanno è sempre e soltanto un’altra, io ho sentito nei negozi il tam tam che quella notte ci sarebbe stato lo sgombero della maddalena, quindi era una cosa assolutamente sentita a livello popolare.
Avv lei ci ha riferito che avete iniziato a percorrere il sentiero che dal piazzale arriva alla ramat e li hanno lanciato molti lacrimogeni (SI) ma qualcuno del gruppo forse ha lanciato pietre o quant’altro?
Teste No, assolutamente no, il gruppo che arretrava verso il bosco faceva ben attenzione a dove metteva i piedi, aveva difficoltà perché 300 metri in salita non è facile, non c’era un sentiero, abbiam preso su dritto e non c’era assolutamente il tempo di girarci e tirare pietre.
Avv Colletta: Io le farei vedere un video in relazione a quello che lei ha detto, le chiedo conferma di quello che lei ha potuto apprezzare mentre si trovava li…
Teste: Si, ho visto l’arretrare di queste persone, anche con difficoltà, chi vomitava, ma si arretrava anche sbattendo uno contro l’altro e poi si cercava di scappare su per la montagna
PM Lei ha detto che c’erano le persone che normalmente non vengono riprese ma nel piazzale chi c’era?
Teste: C’erano i valsusini
PM Lei ha visto persone di altre nazioni?
Teste ma non credo abbiano segnato la nazionalità sulla testa
PM Quindi la risposta è che c’erano le persone che venivano da fuori?
Teste no, la risposta è che io ho visto cittadini normali, valsusini, come sempre nelle manifestazioni
PM E gli anormali quali sono?
Teste non so rispondere a questa domanda
PM Ha visto cittadini con caschi, maschere, indumenti neri o bastoni,.
Teste No io non li ho visto perché sono stata tra le prime a passare
PM Ma non ha notato qualcuno?
Teste NO
PM Quanto è rimasta sul piazzale?
Teste sono rimasta tutta la notte ma quando sono arrivati i gas lacrimogeni sono scappata su per la montagna.
PM Quindi prima delle 6:30 è rimasta sempre sul piazzale?
TEste si, ma il piazzale è grande
PM E’ passata dietro al museo?
Teste NO
PM Ci sa dare un’indicazione dell’ambito territoriale della libera repubblica?
Teste Per quello che era allora considerata era, appunto, il piazzale della Maddalena, quello spazio li.
PM Era recintato? C’erano dei cancelli?
Teste no, non era recintato, tutta la strada poi arrivava giu’ alla centrale di Chiomonte.
PM E lei ha visto nei pressi della centrale elettrica dei cancelli nei giorni precedenti al 27 di giugno?
Teste non mi ricordo
PM Lei ha mai assistito all’arrivo di Carabinieri nella libera repubblica?
Teste Non mi ricordo
PM Lei è al corrente che per entrare occorresse mostrare un documento?
Teste assolutamente no
PM Lei non ha mai visto un documento intestato libera repubblica?
Teste NO
PM Riferito al 3 luglio lei ha partecipato alla marcia da Exiless, a che ora siete partiti?
Teste Dalle 10 del mattino fino alle 11-11:30
PM Poi a chiomonte si è sciolta?
Teste si, io sono rimasta li a fare un pic nic e poi siamo andati via
PM Non ha assistito agli scontri?
Teste No.
PM Lei ha detto che la sera del 26 con tale Revelli è entrata nel cantiere, nella libera repubblica, che strada ha percorso?
Teste da Chiomonte la statale fino giu’ alla centrale.
PM E ha notato qualcosa lungo il percorso? Qualche barriera o barricata?
Teste no, abbiamo fatto la solita strada….
PM Ora le faccio vedere alcune cose lungo il percorso che si trovavano alla mattina alle 7.50, la cancellata ha avuto modo di notarla?
Teste: Guardi la sera prima persino un pezzo in macchina abbiamo fatto quindi direi che la sera del 26 non c’era.
Chiara SassoIl PM continua a mostrare le immagini delle barricate o barriere trovate dalle fdo al mattino durante la risalita di via dell’Avanà. il teste risponde che la sera prima non ha visto nulla.Non ricorda barricate. Il PM mostra le immagini della barricata Stalingrado, il teste non l’ha vista, non è mai scesa al di sotto, è semplicemente risalita verso la Ramat.
PM Lei ha scritto libri sulla storia del movimento?
Teste si, il primo libro è stato pubblicato nel 2003, il titolo è “canto della nostra valle”, una cronistoria da fine anni ’80 al 2003
PM Ed ha affrontato il tema della presenza di Prima Linea in valle?
Teste NO
PM Allora vogliamo spiegare il motivo della domanda, la signora è moglie di un componente di PRIMA LINEA?
Teste Palumbo Ulisse non è mai stato componente di Prima Linea
Avv.Ghia Dr.ssa mi scusi lei ha detto che era andato ad aspettare il prof. Marco Revelli, a che ora è tornata poi indietro?
Teste Al mattino, non saprei, verso le 6:30-7:00
Avv. D’Amico, solo una precisazione sulla fuga, diciamo, dal piazzale antistante il museo archeologico. Voi siete andati via quando sono arrivati i lacrimogeni?
Teste SI
Avv e quanti eravate sul sentiero?
Teste alcune centinaia,
Avv e durante il tragitto lei ha parlato di 300 metri, di dislivello ? (SI) Avete fatto una qualche forma di resistenza?
Teste No, era già difficile restare in piedi, con la fatica, la stanchezza di una notte di veglia, i gas lacrimogeni che non ci permettevano di respirare e la fuga per i primi gas lanciati e poi trovarsi in questa nuvola
Avv davate le spalle a quell’area che era ormai sotto il controllo delle fdo
Teste si, e siamo attaccati alle spalle, anzi, sulla testa più che alle spalle… con i lacrimogeni
Avv si può dire che più che un’azione sfolla-gente è stata una sorta di rappresaglia?
PM C’è opposizione, faccia un comizio a questo punto
Teste diciamo che noi non l’abbiamo visto come un benvenuto o un saluto di cordialità
Avv.Vitale quando lei parla di Giulietto Chiesa si riferisce la noto giornalista?
Teste si certo.
Avv. Lei ha sentito un avviso “dovete lasciare il piazzale”?
Teste no non ricordo
Avv mentre percorreva quell’agevolissimo sentiero ha sentito qualcuno che vi ha detto “dovete abbandonare il sentiero”?
PM C’è opposizione, la domanda è suggestiva
Teste comunque non me lo ricordo.

Sono le 12:57, si decide di fare 20 minuti di pausa.

fine trascrizione a cura di Simonetta Zandiri, la seconda parte sarà trascritta da Eleonora Forno.

 

dopo la pausa vengono chiamati a testimoniare per la difesa i sigg. Giorno, Villa e Chiara Usseglio Viretta.
Purtroppo per motivi tecnici è andato perso il verbale letterale, ma il copione è stato sempre lo stesso per i primi tre: i pm chiedevano con insistenza se essendo stati presenti la notte e poi l’alba del 27 giugno 2011, potevano testimoniare in quale area si trovavano, se al cancello o al viadotto o all’area archeologica. Se erano stati colpiti dal gas dei lacrimogeni e se avevano assistito a lanci di oggetti da parte dei manifestanti. Quanti manifestanti fossero aggrappati al cancello, risposta da 3 a 7 sopra, molti sotto, rischio gravissimo. Se le barriere notav, precarie di balle di fieno e lamiere, a parte il cancello, fossero in loco già la serata precedente (risposta no). Se Guido Fissore fosse realmente pericoloso con la sua stampella sventagliante (risposte no di certo). Molto importante la temporalità della brutale azione dei lacrimogeni su gente del tutto inerme, anziani donne etc senza maschere antigas nè altre protezioni; i testimoni concordi hanno dichiarato o di non avere assistito a lanci di pietre dei manifestanti data la loro posizione o per via del gran fumo con le ben note conseguenze, e di venirne a conoscenza ora dalle immagini. In ogni caso collocano anche dai fotogrammi la temporalità nel seguente modo: prima i lacrimogeni, poi qualche lancio, ad esempio Giorno dalla sua posizione in alto per fare foto sopra la galleria dell’autostrada non vide il lancio di vernice.
Tutti e 3 evidenziano poi di avere assistito, Giorno come facente parte dell’équipe tecnica della Comunità Montana e di Legambiente, Anselmo come esponente di Cattolici per la Valle, gli altri per sentito dire, che dalle mappe l’area del piazzale era considerata “zona franca”, si era pagato il plateatico regolare, e nessuno si aspettava un’azione così ingiustificata. Di avere, negli interventi + che nelle assemblee del giorno precedente, concordato tutti insieme, mancando da sempre nel Movimento una qualsiasi verticalità e gerarchia nelle decisioni, di resistere in modo passivo e non violento alla presa del cantiere.

Il pm Padalino incalza in maniera aggressiva i testi, tanto che dal pubblico sbotta all’ingiustizia una donna notav, il presidente la fa accompagnare fuori da ben 6 carabinieri.

Per quanto riguarda la testimonianza della giovane Chiara Usseglio Viretta, si mantiene ferma nei punti sopra descritti, dichiara il suo sconforto nel vedere tanti anziani, compreso il padre, soffocati e in fuga su sentieri in una maniera inusitata, e i pm cercano senza riuscirvi a chiederle se fosse amica di 2 giovani imputati, lei nega, ma soprattutto la difesa fa opposizione in quanto sono domande che esulano dal capitolato: la ragazza è stata chiamata SOLO per testimoniare sulle attività dei 40 giorni precedenti, culturali, musicali, di approfondimento con professori del Politecnico, della “cosiddetta” – il tono sempre dispregiativo della Procura tanto quanto positivo e affettivo è il ricordo dei notav, “Libera Repubblica della Maddalena”.

La difesa deposita poi agli atti un documento del governo del marzo 2013 in cui ufficialmente risulta non esistere ancora il progetto esecutivo del cantiere Tav di Chiomonte, e l’udienza viene tolta intorno alle ore 16.

Prossima udienza il 24 marzo, tanti i testimoni ammessi, tra di essi il sindaco di Chiomonte Pinard, l’ex prefetto di Torino Alberto Di Pace e il senatore del m5s Marco Scibona.

Comments are closed.