AB20_05_2014  Ore 9:00, aprono i cancelli all’esterno. I Carabinieri controllano come sempre ogni visitatore. Mi fermo e butto un occhio sull’elenco, perché ogni volta viene aggiornato con i nuovi “ospiti”, solidali ovviamente. Per non perdere tempo offro al Carabiniere un aiutino, “Zandiri”, gli dico, “sicuramente sono l’ultima”. Allora sfoglia le pagine, che sono ormai a 4, ma ancora non mi trova. Butto ancora l’occhio e gli dò un altro aiutino, “122, Zandiri”. Ottimo, provvede a mettere la “X” e passo al controllo successivo. La volta scorsa il mio cavalletto ha suscitato ansia, “Questa è un’arma bianca”, mi ha detto il Carabiniere al secondo controllo. “Facciamo così”, gli ho risposto, “finché ci metto sopra una telecamera facciamo finta che sia un cavalletto, se poi dovessi tirarlo in testa a qualcuno allora magari diventerebbe un’arma bianca”. Era una battuta, ma il cavalletto è passato.

Elio Acquaviva, primo teste della giornata. Classe 1952, insegnante di Diritto ed Economia in un Istituto Tecnico. E’ in aula per riferire sul 27 giugno 2011, era presente all’irruzione dele fdo nella parte destra dell’autostrada, quando hanno tagliato il guard rail… E’ arrivato il giorno prima, ha pernottato in valle e al mattino, quando ha sentito i segnali dell’arrivo delle fdo, come d’accordo si è avviato verso la zona archeologica, quella dove c’era il campeggio del movimento. “A quel punto mi sono fermato perché ho assistito ad operazioni di taglio del guard rail, non avrei potuto passare dall’altra parte perché era già presidiata, sono rimasto nella zona delle vasche, ero sulla destra dell’autostrada guardando la zona archeologica. Ero li’ insieme ad altre persone, ho pernottato li’ perché c’era notizia che ci sarebbe stata questo sgombero e come d’accordo avremmo dovuto trovarci nell’area autorizzata”.
Avv lei però non si trovava il museo
Teste No, ero nella zona bassa, poi arrivano le fdo anche li’ per tagliare il guard rail e allontanare noi manifestanti che eravamo situati in quella posizione per protestare contro questa modalità che non ritenevamo corretta e ritenevamo eccessiva rispetto alla nostra forma di protesta… la protesta si è attuata fisicamente, con la presenza, restando li’ dimostrando il nostro dissenso senza girare subito i tacchi andandocene via
Avv lei quindi era dalla parte opposta rispetto alla barricata?
Teste si
Avv lei conosce Tobia Imperato?
Teste si, da tanto tempo, lo conosco perché siamo nello stesso movimento e poi lo conosco come autore, come scrittore. Me lo ricordo quella mattina.
Avv vuole descriverci cosa capita in riferimento a quello che lei vede fare da Imperato?
Teste quando arrivo nella zona delle vasche sul lato dell’autostrada, a fianco del guard rail, vedo che si stanno tagliando il guard rail e un pezzo è già venuto giù perché quando arrivo lo vedo già tagliato e vedo Tobia Imperato con altri manifestanti, ma mi pare pochi, sulla scarpata proprio al confine dell’autostrada, praticamente in sostegno, in contatto con un poliziotto, vengo anch’io per dimostrare anch’io la mia solidarietà, era una situazione di reciproco sostegno perché la scarpata era molto ripida e non c’era tensione da parte di nessuno perché era talmente scomoda la situazione che erano li’ attaccati. Mi avvicino anch’io per essere presente e avvicinarmi ai poliziotti che volevano sfondare, entrare, per dare testimonianza più da vicino del mio dissenso, mi arrampico sulla scarpata che è piuttosto scoscesa, mi attacco ad un alberello ed è li che mi sono trovato vicino a Tobia, ad un certo punto mi giro e poi Tobia non lo vedo più e lo vedo poi caduto sul mio fianco destro. C’era un po’ di confusione e io ero molto attento a dove mettevo i piedi, era una scarpata incolta con arbusti….
Avv c’è una nuvola che si vede nel filmato
Teste si, si solleva un polverone che è quello che non mi permette di capire bene come sia caduto Tobia, ma quando riesco a raccapezzarmi lo vedo già giù…
Avv Vede dei lacrimogeni?
PM Possiamo evitare domande suggestive? La domanda è cosa vede…
Avv volevo aiutare la Procura, dai filmati abbiamo visto che c’era una nuvola più ampia.. comunque, lei è in grado di dire se Imperato ha tirato o strattonato il poliziotto?
Teste direi di no, era una situazione…
PM insisto, non si possono fare domande suggestive in esame
Avv può dirci cos’ha visto?
Teste non ho visto atteggiamenti aggressivi da parte di Imperato  ma neanche di spinta da parte del poliziotto sennò sarebbero rotolati entrambi, era una situazione a mio avviso di sostegno altrimenti sarebbero caduti entrambi, mi è sembrata una cosa breve, il tempo di avvicinarmi e attaccarmi anch’io all’alberello cui poi si era attaccato Imperato e…
Avv su questa vicenda ricorda altri particolari? Cosa succede dopo la caduta?
Teste io scendo, arretro insieme ad altri, di li’ poi parte una serie di lacrimogeni che non ci permette di restare li’ con la nostra protesta
Avv lei è andato sull’altro fronte dell’autostrada?
Teste no
Avv dalla posizione in cui si trovava poteva apprezzare cosa accadeva dall’altra parte?
Teste potevo vedere movimento dall’altra parte ma non dettagli
Avv lanci di pietre contro poliziotti ne ha visti?
Teste no, io non ho visto lanci di pietre, assolutamente, ho visto soltanto dei manifestanti che arretravano dopo il copioso lancio di lacrimogeni
Avv un soggetto con la camicia a scacchi rosso e nero lo ricorda?
Teste si, anche lui ha tentato con il suo corpo di dimostrare il dissenso in modo più civile, più attivo, e mi pare di ricordarlo a braccia alzate, perché anche li’ siamo stati poi oggetto di una carica di respingimento… dei tanti che abbiamo visto… non… come dire, bruschi, insomma.

PM: NESSUNA DOMANDA.
Parti civili: nessuna domanda.

Teste successivo, Marco Fausone. Ricercatore nel settore idrogeno. Ha partecipato ad alcune manifestazioni no tav, era presente alla Maddalena il 27 giugno 2011. L’avv. chiede se c’era anche al mattino, il teste risponde di si.
Avv perché e come si  è allontanato da quell’area?
Teste ero presente al mattino perché ho dormito li’, ho assistito al principio di sgombero quando è arrivata la ruspa e poi mi sono allontanato perché era impossible rimanere nell’area a causa del numero di infiniti lacrimogeni lanciati. Ero sul piazzale dove c’erano i vari gazebo, e mi sono allontanato dietro la cantina sociale, verso il sentiero che va su alla Ramat. All’inizio ho provato a percorrere il sentiero, poi essendo impossibile percorrerlo per le persone che lo intasavano ho tirato su per i boschi visto che ero in grado di farlo.
Avv su quel sentiero com’era la situazione?
Teste era di panico generalizzato, si immagini al concerto dove succede un pasticcio e tutti provano a scappare da una stradina stretta, persone che non stavano bene, persone anziane, non stavano bene perché l’aria era irrespirabile, anche a me è capitato di respirare da vicino un lacrimogeno che mi è finito sui piedi e ho iniziato a stare male e ad avere conati di vomito, per fortuna qualcuno mi ha preso e mi ha lavato con acqua e portato sul piazzale, la situazione era drammatica. Eravamo circondati e si scappava per un sentierino
Avv il 3 luglio lei era presente?
Teste si. Sono partito da Giaglione e abbiamo fatto un pezzo della strada che da Giaglione porta al Clarea ai mulini poi però ad un certo punto si è dovuto deviare per un sentiero perché la strada più grossa era bloccata probabilmente dalle forze dell’ordine che però non abbiamo visto… C’erano migliaia di persone…
Avv e l’atteggiamento di queste persone qual era? Indossavano caschi o…
Teste no, l’atteggiamento era da scampagnata nei boschi, non gente attrezzata…
Avv e quel sentiero in che direzione andava?
Teste credo vada fino alla Ramat, poi però arrivati al Clarea ci siamo fermati perché non aveva senso andare alla Ramat, siamo arrivati .. appena attraversato il Clarea c’era tutta una situazione di gente che chiacchierava… ora non so bene come sia definito lo spazio dell’area archeologica, io mi sono femato dove ci sono quei massi molto grossi, non attaccato alla vitivinicola ma decisamente più in alto. Io vedevo tutto il cantiere, dove adesso c’è il cantiere, più o meno sono stato li’… un po’ siamo stati alla baita, quella che era la baita costruita dai no tav, più o meno tutto il giorno.
Avv è mai passato alla zona vicino al viadotto autostradale?
Teste attaccato al viadotto no, in parte nella zona che sta sopra al viadotto per vedere quello che succedeva, il mio scopo specifico .. io sarei andato alle reti sotto l’autostrada ma non era proprio il caso perché andare li’ sotto voleva dire o prendersi un lacrimogeno in testa o un idrante, perché la polizia sparava direttamente sui manifestanti, dal pilone si vedeva….
PM Perché il teste l’ha visto?
Avv non interrompiamo l’esame. Lei ha visto direttamente lanci sulla polizia?
Teste si, io li ho visti, si vedeva la polizia sparare sui manifestanti. Ero più o meno all’altezza del viadotto, come asse z, e sul viadotto c’erano le fdo, non so se fossero polizia o carabinieri o GDF
Avv ci può descrivere meglio il comportamento di queste persone sopra il viadotto?
Teste 1 ho visto che sparavano lacrimogeni sulle persone, usando i fucili per lanciare i lacrimogeni, 2 ho anche visto delle forze dell’ordine lasciare andare giù delle cose dal viadotto, e li’ ho valutato di non andare a infilarmi là sotto, sotto il viadotto c’erano i manifestanti..

L’avv. Vitale mostra delle immagini. I PM obiettano che il titolo del video è suggestivo, il PM Padalino contesta che si tratta di video del 3 luglio e si stava parlando del 27 giugno, gli avvocati fanno presente che si stava parlando del 3 luglio…. L’avv. Vitale specifica che non ha chiesto al teste cosa vede ma solo se conferma immagini come queste, viste direttamente.
Teste: verso fine giornata siamo poi andati verso la baita e tornati a casa…
PM Quaglino: rispetto a quel filmato che ha detto si mi ricordo la scena, ci può dire dove si trovava lei e che ore erano?
Teste ero, come ho spiegato prima, all’altezza del viadotto, precisamente non lo so… l’inquadratura è simile ero semplicemente più lontano e l’ora di preciso non me la ricordo
PM Quini non si ricorda?
Teste l’ora di preciso no, dov’ero si, ero sopra il viadotto sopra le vasche ma più in alto
PM A che distanza da quella scena che ha visto?
Teste non so, 300 mt, 200 mt, non so
PM Non so era lei che era presente non io
Teste una cosa di questo tipo, se mi fa vedere una cartina (PM No, ho bisogno della sua memoria), un centinaio di metri, ad una distanza che permette di vedere le cose
PM Non c’è una distanza che permette di vedere le cose
Avv c’è opposizione, sono vietate le domande che inficiano la sincerità delle risposte, lei con questo commento sulla distanza inficia la sincerità delle risposte
Presidente: risponda più o meno….
Teste: 100, 150 metri….
PM Siccome prima ha detto 300….
Teste Non so dirlo,
PM Allora la risposta è “non so dirlo”
Teste: Se ci mettiamo con il metro ….
PM Rinaudo: Non sono richieste certe valutazioni… “Se ci mettiamo qua con un metro” il teste non viene a dirlo in aula
PM Quaglino: Nessun altra domanda.
Avvocatura civile: Quant’era la distanza dal viadotto ai manifestanti?
Teste nei punti più bassi sarà una ventina di metri…
Avv. dall’alto verso il basso
Teste dove ho visto lasciare gli oggetti era decisamente più avanti
Avv ha visto qualcuno colpito?
Teste no, colpito no
Avv e come fa a dire che gli spari erano diretti?
Teste non ho visto una persona colpita ma se uno spara in un mucchio qualcuno lo prende
Avv ma come fa a dire che i lanci erano diretti?
Teste se io facessi un lancio di lacrimogeni tra di voi qualcuno lo prendo, se invece sparo in alto no…
Avv ha visto persone ferite dallo sparo di candelotti?
Avv difesa: ha già chiesto e ha già risposto…
Avv.Fagioli (parti civili): volvo circostanziare i tempi della presenza del testa, lei a che ora è arrivato?
Teste alle 10:30, circa
Avv e quando ha iniziato a vedere questo sparo di lacrimogeni?
Teste secondo me nel pomeriggio
Avv ma primo pomeriggio o tardo? (primo intorno alle 2)
Teste primo
Avv lei è stato colpito?
Teste no, ero a debita distanza
Avv ha visto delle cariche da parte dei Carabinieri o di qualcun altro?
Teste no perché i carabinieri erano dentro i recinti
Avv quindi non ha visto cariche ma semplicemente lanci di lacrimogeni, non ha visto cariche o niente del genere?
Teste ma, da parte della polizia?
Avv da entrambe le parti
Teste No, non so….
Avv non erano presente persone travisate, con caschi…. ?
Avv difesa interrompono facendo notare che si è fuori dall’ordinanza per il controesame. Vitale: i lacrimogeni che ha visto lanciare dal viadotto, li ha visti lanciare a parabola o indirizzati verso il basso?
Teste: verso il basso, verso le persone. Altri anche a parabola, nello specifico, verso il basso.

GianniVattimoEntra il teste Gianni Vattimo. Professore universitario “ormai emerito”.
Avv: lei è stato citato per il 3 luglio, si ricorda dov’era?
Teste ero andato in quella strada li’, non so se era strada della Maddalena, che conduce verso la centrale elettrica, ero andato per una manifestazione del movimento NO TAV.
Avv può specificare meglio che percorso ha seguito?
Teste ricordo di essere andato in automobile con mio cugino che guidava, siamo scesi da Chiomonte e siamo scesi … ad un certo punto c’era una sfilza di macchine parcheggiate e abbiamo parcheggiato in alto e siamo scesi verso l’imbuto, però li’ poi c’era gente che correva avanti e indietro, alcuni tornavano già via piangicchiando, quindi devo dire che ho dei ricordi…. ci sono stato, ho camminato in questa zona, non ho neanche potuto manifestare niente, ero li’.
Avv tornando al percorso lei è sceso dalla strada che da Chiomonte porta alla centrale elettrica?
Teste si, sono andato giù…. ma si vedeva poco ormai perché il luogo della manifestazione era questa strada in cui c’era questa gente che andava su e giù, si vedeva poco perché c’erano i lacrimogeni, ho visto qualcosa che cadeva e faceva fumo, e poi li ho sentiti negli occhi
Avv può descrivere la tipologia delle persone intorno a lei?
Teste erano persone molto più giovani di me, alcuni avevano un’aria da vecchi militanti, posso capire che venissero li’ per convinzioni politiche antiche e altri erano dei ragazzi che non avevo mai visto ma…. quello che si vede in una manifestazione relativamente informale, non avevano neanche delle insegne politiche, qualcuno di loro si era messo il fazzoletto sulla bocca per respirare meno fumo
Avv lei in quale punto preciso si è fermato, è andato vicino alle recinzioni?
Teste li’ non le ho viste le recinzioni
Avv può riferire se ci sono stati comportamenti… tra le persone che ha visto.. aggressivi?
Teste no, credo ci fossero un po’ di grida ma non ho visto né forze dell’ordine manganellanti né manifestanti manganellati, ho visto molto movimento andirivieni e questa fumeria..
Avv può descrivere gli effetti dei lacrimogeni, se ne ha visti, sui manifestanti?
Teste bruciavano sulla faccia, li’ poi ho imparato che bisogna mettersi del Maalox sciolto nell’acqua ma non avevo con me il Maalox ho preso un fazzoletto bagnato
Avv lei ha potuto notare l’intervento di mezzi di soccorso, qualche ambulanza?
Teste no, non ho sentito niente. Sono andato via… sono riuscito a raggiungere l’automobile e poi tutta la strada per tornare attraverso Chiomonte era occupato, abbiamo svoltato la macchina siamo passati da Sestriere e scesi attraverso Pinerolo perché la strada non si poteva percorrere. Capisco che è una testimonianza che può deludere però è tutto quello che ho visto (i PM sussurrano un “siamo d’accordo sarcastico, gli avv. chiedono di non interrompere con delle battute).
Avv lei in quei luoghi ha potuto vedere cosa succedeva davanti al cancello?
Teste non credo di esserci arrivato, la strada è fatta in modo che uno vede verso la centrale ma il cancello non l’ho visto…
Avv dalla strada ha potuto vedere se chi c’era era in una nube di lacrimogeni?
PM c’è opposizione, la domanda non può contenere la risposta… (Padalino aggiunge “neanche in via alternativa”).
Avv restringendo i miei poteri faccio un’altra domanda chiedendo se sulla strada ha notato qualcosa di particolare
Teste confesso di no.
Avv: ci sarebbe una richiesta e una precisazione, le domande successive sono le domande che contengono una risposta determinate, ma le domande sono quelle che identificano le risposte del teste. Le domande che contengono risposte alternative anche invia generale sono domande guidate che non contengono alcun suggerimento, in questo senso chiederei che le opposizioni vengano respinte e che sia concesso fare domande in questo modo qui, che se andiamo a vedere i verbali è stato usato dal PM per i suoi testi. Sono conformi ad un modo di condurre l’esame che è attestato dalla dottrina più prevalente come modo di condurre l’esame guidato e non suggestivo.
PM Padalino: Professore buongiorno, solo gli orari, a che ora è arrivato e a che ora si è allontanato
Teste io credo di essermi allontanato verso mezzogiorno, vero che in quei momenti non si guarda tanto l’ora, e sono arrivato un paio d’ore prima…

Viene chiamato il teste Mauro Pedone, fisioterapista, lavora in ospedale. Era presente il 3 luglio, era partito da Chiomonte e si era unito dai manifestanti che arrivavano da Exilles ritornando un po’ indietro da Chiomonte passando dalla strada che va alla centrale idroelettrica.
Teste: a quel punto ci siamo divisi, un pezzo è andato verso la centrale e un pezzo è andato verso la Ramat, sopra, in alto.
Avv dopo di che il percorso come è proseguito?
Teste raggiunta la Ramat ci siamo fermati un po’, abbiamo mangiato un panino perché cmq era una salita discreta, poi da li’ abbiamo cercato di scendere per raggiungere la zona della Maddalena ma non la raggiungemmo perché nel frattempo vedemmo dall’alto che c’erano incidenti, lacrimogeni, noi eravamo un gruppo sopra i 50-55 anni e appena vedemmo questa cosa tornammo indietro per non trovarci in situazioni….
Avv la tipologia di persone che stava intorno a lei?
Teste ero con un gruppo di amici più o meno della mia età ma nella manifestazioni c’era gente di tutte le età, giovani, meno giovani, bambini, poi noi siamo tornati indietro per cui verso la Maddalena non posso dire cos’è successo perché non c’ero, invece posso raccontare che tornando indietro verso la centrale passando per un sentiero che passava sotto i viadotti dell’autostrada vedemmo un cellulare della polizia sopra e quando fummo sotto il viadotto da li’ i poliziotti ci lanciarono delle cose, oggetti che ci caddero vicino mentre passavamo
Avv cos’erano?
Teste non so dirlo ma cadevano veloci e facevano rumore, potevano essere pietre o pezzi di lamiera, esattamente non potrei dirlo, non siamo stati li’ a vedere cosa ci lanciavano perché se ci prendevano in testa ci potevano fare parecchio male quindi ci allontanammo
Avv quando riceveste questi oggetti c’erano comportamenti aggressivi da parte vostra?
Teste eravamo sotto a 20 metri di altezza, vedevamo questi omini là sopra, è difficile avere dei comportamenti violenti anche volendo… ci siamo allontanati per non avere danni.. io ho visto due lanci poi mi sono allontanato, poi parlando con altre persone passate di li’ sicuramente furono di più perché anche quelli dietro di me hanno visto
Avv ripeto la domanda, in quel momento non vi erano comportamenti aggressivi da parte dei manifestanti
Teste il nostro gruppo che stava scendendo li’ non aveva nessun tipo di comportamento aggressivo, poi se altri hanno avuto comportamenti aggressivi prima o dopo io questo non lo posso dire…. stavamo scendendo dalla Ramat, siccome non si poteva proseguire oltre per via degli incidenti che succedevano li’ sotto, scendemmo per andare verso la centrale idroelettrica che era l’altro posto che si era dato come obiettivo di protesta, siamo arrivati alla centrale idroelettrica intorno alle 15- 15:30 e in quel momento anche li’ vedemmo che c’erano incidenti e soprattutto vidi le nuvole dovute al lancio di lacrimogeni per cui abbiamo avuto molte difficoltà ad avvicinarci ai cancelli, infatti avvicinammo la Dora prima della centrale idroelettrica
Avv cosa intende con incidenti?
Teste c’erano tante persone che battevano sulle reti, poi probabilmente qualcuna anche che lanciava oggetti in direzione oltre la cancellata e poi tantissimi, un numero impressionante di lacrimogeni, soprattutto di quelli che partono e poi si dividono e vanno in tutte le direzioni
Avv i lacrimogeni come venivano lanciati e in che raggio?
Teste non so, almeno 10-15 metri, ed erano pericolosi perché andavano in tutte le direzioni quindi era difficile sottrarsi
Avv voi avete detto che non vi siete avvicinati alle reti
Teste diciamo che ci siamo avvicinati alle reti dopo che abbiamo attraversato la Dora, dal lato di Chiomonte, e siamo rimasti li’ credo almeno un’oretta più o meno, continuammo a battere un pochettino sul guard rail delle strade, partecipando in qualche modo alla protesta
Avv intende la pratica della battitura
Teste si, con una pietra batti sul guard rail
Avv i lacrimogeni venivano lanciati sui manifestanti vicino alle reti?
Teste non erano diretti solo ai manifestanti vicino ai cancelli, ma andavano  a 20-25 metri, c’erano molte persone che cercavano di annullare l’effetto dei lacrimogeni usando acqua per spegnerli ma l’aria era irrespirabile, bruciavano gli occhi, difficoltà a respirare, bisogno di allontanarsi per prendere aria e poi bagnarsi la faccia perché dava fastidio. Ricordo che più o meno verso le 17 ci allontanammo per andare a prendere il treno per tornare a Torino.
Avv. Vitale: Due brevissime domande, lei prima ha detto che i lacrimogeni interessavano un’area… non ho capito se i lacrimogeni erano frammentati
Teste i lacrimogeni venivano sparati dalla porta d’ingresso della centrale e proseguivano per almeno una ventina di metri
Avv lei durante il tragitto per arrivare alla Ramat.. qual era l’abbigliamento dei manifestanti soprattutto sulla parte anteriore… i manifestanti avevano qualcosa in testa?
Teste no, in quel pezzo di corteo che noi abbiamo fatto non ho visto nessuno che aveva qualcosa intesta, probabilmente qualcuno che aveva qualcosa in testa l’ho intravisto giù verso la maddalena, se lei si riferisce a caschi o robe nel genere sicuramente li ho intravisti scendendo nella zona dove c’erano degli scontri, in quel tratto li’ ho visto gente che aveva sicuramente….
Avv le farei vedere un’immagine… è questa la zona?
Teste era un sentiero che scendeva rapidamente…. passava sotto il viadotto ma non…
Avv indicativamente a che altezza?
Teste per quello che mi ricordo era abbastanza… avevamo superato la metà strada… il viadotto era almeno ad una ventina di metri di altezza
PM Solo una precisazione, l’episodio sotto il cavalcavia dell’autostrada, quando c’è il lancio di oggetti dall’alto, il suo gruppo da quante persone era composto e a che ora circa è avvenuto?
Teste era sicuramente tra le 15 e 15:30 perché noi siamo arrivati alle 15:40 più o meno alla Centrale, per cui non era molto distante, era un gruppo di amici, saremo stati 10-12 persone.
PM Non ho altre domande.
Avv Bertone: in questo gruppo di persone lei ricorda se qualcuno abbia lanciato sassi verso gli agenti che si trovavano sul viadotto?
Teste NO
Avv allora io credo al tribunale o alla procura, come già fatto in precedenza, di trasmettere gli atti della testimonianza del Sig. Pedone trattandosi nella fattispecie di ipotesi di lesioni.
Avv Vitale: le chiedo se in quel momento nel suo gruppo qualcuno fosse travisato o avesse atteggiamenti particolari
Teste No, assolutamente

Teste Alessandro De Maria. Il 3 luglio è partito da Chiomonte, ricorda il comizio di Beppe Grillo.
Mi prendo una pausa…
PM Quaglino: le persone che stanno tentando di togliere la fune ricorda com’erano vestite? Avevano qualcosa in faccia?
Teste in faccia mi pare non avessero nulla, erano persone come noi, era estate
Avv nessuno travisato?
Teste mi par di no
Avv.Fagioli: non ha visto caschi da moto in quell’episodio?
Teste no
Avv.Fagioli: neanche una persona?
Teste no
Avv Vitale: tornando a questa fune, per quello che lei ha potuto percepire, chi tirava la fune intendeva abbattere questa recinzione per abbattere le barriere?
PResidente: no, deve dire cosa facevano……

Viene chiamato a testimoniare Michele Curto. All’epoca dei fatti era stato eletto in Comune ed era capogruppo di SEL. Ha partecipato alla manifestazione il 3 luglio.
Teste: arrivai al mattino, unendomi alle istituzioni valsusine, diciamo i sindaci, poi durante tutto il corteo ho sfilato con loro, di fatto in testa al corteo.
Avv che percorso ha seguito?
Teste io sono abbastanza scarso dal punto di vista dell’orientamento geografico però ricordo che abbiamo risalito la valle fino a Bussoleno… dove poi siamo entrati….
Avv chiedo scusa, è suggestiva, Bussoleno o Chiomonte?
Teste Chiomonte, chiedo scusa, faccio confusione…. per me era la terza volta che vedevo quel luogo, siamo passati davanti alla centrale, il cancello che portava alla cosiddetta repubblica della maddalena. Inizialmente ho proseguito il corteo arrivando al parapetto dove si vede la valle, poi quando ad un certo punto sono cominciati i lacrimogeni allora ho ripercorso a ritroso diciamo il percorso e sono ritornato al punto della centrale, insomma.
Avv e come mai ha scelto di tornare indietro?
Teste perché esattamente come ho fatto il 27 giugno, essendo un rappresentante istituzionale ritenevo giusto capire cosa stava capitando e se possibile svolgere la mia azione di mediazione.
Avv cos’ha visto?
Teste devo fare attenzione che i ricordi non si confondano con il 27 giugno. Ricordo bene la fotografia che si presentava, la valle con questo aumentare di lacrimogeni, al punto che mi veniva quasi difficile scorgere il paesaggio che avevamo davanti
Avv per parapetto cosa intende?
Teste risalendo verso chiomonte c’è questo affaccio verso la città dalla quale si vede benissimo cosa c’era di fronte, la centrale e la libera repubblica… quindi mi sono poi recato verso la centrale dove il corteo era rimasto bloccato perché c’erano state tensioni
Avv che tipo di tensioni?
Teste mi raccontava Marina Clerico, della Comunità Montana Valsusa, che c’erano state… sostanzialmente lanci di lacrimogeni e c’era stato anche un contatto, quando sono arrivato io però questa situazione mi sembrava risolta
PM Volevo solo sapere se Marina Clerico è teste
Avv Ha già testimoniato
PM Il teste deve dire cose che ha visto lui
Avv deve indicare da chi l’ha saputo, è una testimonianza indiretta
PM Infatti ho chiesto
Avv  lei ha visto direttamente dei lanci di lacrimogeni?
Teste dal punto in cui mi trovavo io no, quando sono arrivato si era risolta la situazione e quando sono ritornato indietro era impossibile tornare verso la centrale, c’era tantissima ressa… ricordo che sono ritornato di nuovo verso Chiomonte, ho aspettato lungamente li’ anche perché noi avevamo molte persone in corteo e cercavo di prendermi cura della nostra comunità politica, facevo la staffetta al telefono con altre persone della comunità montana in particolare Carla Mattioli e Sandro Plano
Avv che lei abbia percepito direttamente qualcuno si lamentava degli effetti dei lacrimogeni?
Teste questo era dal mio punto di vista il punto di discussione della giornata, mi è capitato di partecipare a molte manifestazioni e di vedere l’utilizzo di lacrimogeni ma come quel giorno mai, neanche 10 anni prima nel luglio 2001…
Avv lei ha detto che anche il 27 giugno era alla Maddalena, giusto?
Teste si, io sono arrivato alla Maddalena il 26, la notte precedente,in cui era ormai chiaro che il giorno dopo ci sarebbe stato l’intervento delle fdo. Ricordo che la sera prima c’era stata forte concitazione e ci furono degli interventi, presi anch’io la parola, c’era un palco montato e ci furono diversi interventi. Quella notte decisi di dormire presso la Comunità Montana, in realtà ho dormito in macchina, perché mi sembrava giusto che un rappresentante delle istituzioni stesse con le istituzioni della Valsusa, quindi rimasi li’ fino alle prime ore dell’alba quando la comunità cominciò ad animarsi, arrivavano sindaci e assessori, decisi perché mi fu chiesto, di presidiare il cancello alla centrale. Insieme a Marina Clerico e insieme a un paio di rappresentanti del legal team, riconoscibili chiaramente, siamo rimasti fino all’arrivo delle forze dell’ordine. L’ingresso è stato il momento che ho seguito con più attenzione, perché dopo ho chiesto di poter entrare anche perché trovavo giusto, vista la collaborazione che era stata prestata, ma mi è stato impedito di entrare, ovviamente non ho lasciato il luogo, sono rimasto li’ chiedendo di verificare democraticamente quello che stava accadendo, sono rimasto li’ fino a quando sono stati portati diversi trattenuti, a 20-30 metri da me, non potevo parlargli ma ho seguito le fasi di trattenimento di queste persone e sono rimasto li’ tutta la giornata.
Avv quindi da dove ha assistito all’abbattimento del cancello della centrale, dall’interno o da dietro le spalle delle forze dell’ordine?
Teste mi trovava fra le forze dell’ordine e il cancello, perché questa era la discussione, i manifestanti non intendevano lasciare il cancello e le forze dell’ordine volevano entrare quindi io penso che un rappresentante politico abbia il dovere di tentare di gestire una situazione del genere. Le fdo erano guidate… in testa c’erano persone della Digos di mia conoscenza di cui pero’ non so dire i nomi, ma sono in grado di riconoscerle anche perché in città entriamo spesso in contatto con la Digos di Torino. Quando loro son arrivati si sono resi conto che non ci sarebbe stato un volontario abbandono da parte dei manifestanti del presidio al cancello, devo dire manifestanti che non hanno rivolto verso le fdo almeno alla mia vista nessuna forma…. se non fino a quando si è arrivati a un contatto… però chiedo scusa, ricordo che c’è stato il lancio di alcuni lacrimogeni, però mi pare un contatto che è stato gestito dai manifestanti in maniera pacifica assolutamente non violenta fino a quando si è arrivati all’abbattimento del cancello, che dal mi punto di vista ha rappresentato un momento di grande preoccupazione perché nel momento in cui hanno abbattuto il cancello in prossimità dello stesso continuavano ad esserci manifestanti, li’ non ho potuto assistere a scene di violenza particolari ma a due fronti che si fronteggiavano in situazioni che non avevano sbocco…
Avv.Lamattina: In particolare, il 3 luglio, il ritorno verso la centrale dove poi si è verificata quella ressa di gente…
Teste guardi avvocato in questi giorni io ho tentato di recuperare gli orari, anche rivedendo le fotografie, ma non sono in grado di ricostruire gli orari, sicuramente era la tarda mattinata.
PM: NESSUNA DOMANDA.
(troppo brusio, non riesco a seguire..)

Avv Bertone: lei ricorda agenti che gridano “smettete quello che state facendo”?
Teste prima dell’avvicinamento mi pare di si ma con l’inizio dell’azione no, sarebbe stato impossibile.

Entra il teste Mario Cantore. Era presente il 3 luglio, ha preso il sentiero della Ramat.
Avv durante questo percorso della strada che portava alle borgate.. lei era da solo? (era con il fratello, Cantore Paolo, è qui anche lui chiamato a testimoniare) la composizione della manifestazione, lo spezzone nel quale era lei…
Teste era molto variegato, sia come età… si andava dal ragazzo dei centri sociali al pensionato..
Avv dove era lei c’erano persone che indossavano indumenti particolari?
Teste no, per tutto il tragitto le persone erano vestite nel modo più normale, nell’avvicinarsi ai boschi qualcuno indossava maschere anti gas, qualcuno nel tragitto aveva elmetti da cantiere. Io non sono riuscito ad arrivare giù fino alle reti proprio perché la presenza di gas erano troppi venivano sparati anche dall’elicottero e già in alto si faceva fatica a respirare ma ho visto cosa succedeva nel bosco perché ci sono molti punti nel bosco in cui è possibile vedere…. Avevo la boscaglia che nascondeva la parte dove dovevano esserci i manifestanti però vedevo gli agenti perché erano rialzati, in una parte rialzata rispetto alla piana dove dovevano trovarsi i manifestanti..
Avv solo per capire dove siamo, se io mi ponessi con le spalle al museo archeologico… davanti a destra o sinistra?
Teste davanti tra il museo e Torino, dove la galleria entra, poi fiancheggiano l’autostrada andando verso il museo
Avv spalle al museo a destra?
Teste si…
Avv che porzione di territorio poteva vedere?
Teste io vedevo bene la cupola del museo con un po’ di cortile intorno però mi riferisco tra il museo e la mia posizione, tra il museo e Torino e vedevo queste reti che consentono di camminarci anche sopra… di fianco alla rete, un terrapieno dove poi c’è la rete. C’erano diversi agenti, 5 o 6 agenti che si davano il cambio, che sparavano lacrimogeni verso dove dovevano esserci i manifestanti quindi da posizione sopraelevata, poi raccoglievano da terra oggetti, presumo pietre, e le lanciavano di sotto, questo è quello che io ho visto.
Avv questi lacrimogeni venivano lanciati puntando il lanciagranate verso l’alto?
Teste no, verso il basso, erano in posizione rialzata e miravano verso il basso e sparavano come potrebbe essere un cacciatore che spara a un camoscio, puntando (mima il gesto)
Avv tiravano anche oggetti?
Teste raccoglievano da terra oggetti e tiravano, posso presumere fossero pietre o altri oggetti ricevuti da manifestanti, li tiravano verso il basso, sotto c’è la zona dove ci sono i massi, famosa per chi fa arrampicata, la zona di fianco al museo.
Avv lei poi è andato avanti?
Teste non sono arrivato all’area archeologica perché era impossibile respirare, io avevo un fazzoletto, sono tornato alle borgate in alto e sono poi andato all’area della centrale facendo la stessa strada dell’andata, S.Antonio, Ramat, poi la strada asfaltata.
Il teste prosegue poi specificando che tornato al cancello ha potuto notare un fitto lancio di lacrimogeni,per lo più tesi. Riferisce anche di aver visto un’ambulanza che si è fatta largo tra i manifestanti: “in quell’occasione il lancio dei lacrimogeni non solo non si è arrestato ma si è infittito, devo dire per onestà che il lancio andava ad ondate, non voglio insinuare che volessero colpire proprio l’ambulanza, ma l’ambulanza è stata colpita perché ricordo bene il rumore della lamiera. L’ambulanza arrivava dal lato chiomonte, non saprei se dal campeggio o dalla strada, l’ho percepita quando è arrivata dove ero io, un’ambulanza bianca con le sirene e la croce rossa dipinta sopra e ha caricato un manifestante ferito alla testa che perdeva molto sangue ma io non so dire come è stato colpito. Un altro fatto di cui devo riferire è che era una situazione di caos, di battaglia, la polizia sicuramente ha ricevuto lanci di oggetti dai manifestanti però tutti gli oggetti che riceveva, raccoglieva, la polizia li rimandava nuovamente verso le persone, in una situazione di caos totale”
Avv quindi lei ha visto le fdo che raccoglievano oggetti e lanciavano?
Teste si, e non è un episodio, è la continuità di quello che ho visto, lanciavano al di là del cancello e verso il ponte.

Avv lei ha visto dei manifestanti che facevano qualcosa vicino al cancello?
Teste si, diversi manifestanti cercavano di abbatterlo spintonandolo, agganciandolo, non ci sono riusciti perché il cancello barcollava ma era ancora al suo posto.
Avv Questi lacrimogeni , per quanto lei ha potuto percepire, erano indirizzati verso queste persone che tiravano il cancello o anche nelle retrovie della manifestazione?
Teste no erano indirizzati ovunque, anche alle persone più calme che come me facevano da spettatore e non potevano essere interpretate come pericolose perché vestite in modo civile e stavano in un angolo a guardare quello che succedeva
Avv i lacrimogeni sono quindi atterrati anche dietro alle sue spalle?
Teste si, anche molto indietro, dove c’è stato il campeggio nei periodi successivi ,c’era tanta gente
Avv anche sulla strada che sale verso chiomonte?
Teste si
Avv dove era lei, erano manifestanti che tiravano oggetti contro le fdo, avevano un atteggiamento violento?
Teste si, come ho detto era in corso una battaglia, qualche manifestante lanciava, oggetti raccolti e restituiti, c’erano anche manifestanti che si erano arrampicati sul terreno più a sinistra che tentavano di aggirarlo e venivano respinti a loro volta con lancio di lacrimogeni e oggetti e quindi qualche manifestante lanciava sulla polizia.
Avv: il tentativo di tirare con corda il cancello, lei ha potuto vedere quante erano le fdo al di là del cancello?
Teste non saprei quantificare, ma moltissimi. Se il cancello fosse caduto e i manifestanti fossero entrati in contatto io me la sarei data a gambe perché c’era solo da prenderle…
Avv. Stroppiana: rispetto al lancio dei lacrimogeni che lei ha descritto, riesce anche a collocarcelo nel tempo?
Teste io non ho una scansione temporale precisa della giornata, posso dire che sono partito da Exilles non alla testa del corteo e quando sono arrivato all’area archeologica erano già in corso i lanci di lacrimogeni ,sia dall’elicottero che in basso, quando sono arrivato alla centrale… saro’ rimasto li’ due ore, tre ore, era già tutto in corso, poi sono andato via verso le 18.. potrò essere arrivato intorno alle 15… la prima fase, posso essere partito alle 10, arrivato là alle 11:30…

PM : NESSUNA DOMANDA.

Viene chiamato il fratello, Paolo Cantore. Descrive il 3 luglio, anche lui riferisce di genere di manifestante misto, abbigliamento da scampagnata.
Teste può darsi qualcuno che, in partenza no, ma avvicinandosi all’area critica indossasse i caschi. Non sono arrivato all’area archeologica, mi sono fermato molto prima perché c’era un forte odore di lacrimogeni, lancio di pietre, tafferugli, non mi sono avvicinato. Già guardando dall’alto verso il basso avevo l’area archeologica alla mia sinistra guardando giù… vedevo chiaramente il museo, le reti abbastanza provvisorie, sulla sinistra una lunga rete che non era di quelle provvisorie, e poi c’erano già un po’ di barriere
Avv la lunga rete era riconoscibile per qualcosa?
Teste si, aveva delle bandiere appese dai manifestanti nei giorni prima
Avv rispetto al piano del museo questa rete si trovava più in alto, più in basso o allo stesso piano?
Teste mi sembra più in alto alla mia sinistra dal mio punto di vista. Vedevo le persone che dal bosco cercavano di arrivare all’area archeologica, era difficile per un fitto lancio di lacrimogeni, le fdo erano sia dentro l’area che fuori e c’era un fitto lancio di pietre sia da una parte che dall’altra
Avv intende anche da parte delle forze dell’ordine?
Teste si, lo vedevo… ricordo pietre che cadevano da parte dei manifestanti e il poliziotto che le prendeva e le rigettava, una situazione abbastanza confusa
Avv i lacrimogeni venivano lanciati a parabola, o qualcuno no?
Teste mentre ero in quell’area li’ venivano lanciati tutti a parabola finendo nel bosco, quando poi mi sono spostato li ho visti lanciare direttamente sui manifestanti… mi sono poi allontanato e ritornato verso exilles e da li ho fatto un giro lunghissimo per andare a Chimonte non passando dai boschi e sono poi sceso al cancello
Avv quindi lei ha percorso la strada che arriva dritta al cancello o quella che fa i tornanti?
Teste quella che fa i tornanti, sono arrivato prima del ponte, non ho attraversato il ponte, non so dire l’orario, c’erano molte persone… c’era un lancio molto fitto di lacrimogeni più diretto verso le persone, non era per disperdere la folla, cioé immagino di si ma più diretto. I lacrimogeni rispetto alla visione che avevo io, da dietro il ponte, venivano sparati da destra dietro il cancello
Avv ha visto lanciare solo lacrimogeni o anche altro?
Teste li’ non ricordo di avere visto altro
Avv ha visto mezzi di soccorso?
Teste ho visto l’ambulanza e mi ha colpito il fatto che il lancio di lacrimogeni non si fosse arrestato in quel momento, poi non ho il ricordo di dove fosse andata, aveva già difficoltà perché c’erano molte persone… era un’ambulanza riconoscibile
Avv lei ricorda poi quando è andato via?
Teste l’orario no
Avv ha visto nell’area della centrale persone che lamentassero effetti dei gas o ferite?
Teste non in particolar modo, c’era chi era stato sottoposto ai gas quindi lamentava disturbi dati da lacrimogeno ma non ho soccorso qualcuno in particolare difficoltà…

Avv.Fagioli (Parti civili): Quando è arrivato con suo fratello eravate li’ insieme al corteo o siete partiti prima?
Teste non ricordo, ricordo che abbiamo aspettato abbastanza
AvvFabioli: Lei ha detto che stava verso l’alto e guardava in basso, quanto distava tra lei e le fdo?
Teste quantificarlo diventa difficile, so che è una distanza dove i lacrimogeni non arrivavano, non saprei quant’è la distanza….
Avv all’incirca, li vedeva piccolini o grandi?
Teste abbastanza piccoli….
Avv quindi distanti
Teste abbastanza da capire il ruolo, che non era un manifestante, e capire cosa faceva
Avv lei vedeva le fdo chinarsi, raccogliere i sassi e lanciarli, giusto?
Teste si
Avv e lei riusciva a vedere in mano alle fdo i sassi?
Teste il sasso no, che pero’ fosse un oggetto raccolto e percorresse una traiettoria di un sasso, quindi non qualcosa di più leggero.. potrebbe essere anche un fazzoletto di carta ma poi dalla traiettoria si capisce che deve avere una certa massa…
Avv. Difesa: non so, se vuole ancora chiedergli se sono banane… è la terza volta che fate la stessa domanda
Teste: oggetti con un certo peso
Av Fagioli: l’impressione che potessero essere sassi

Entra il teste Bruno Domenico (Mimmo), all’epoca dei fatti era consigliere comunale a Bussoleno. Il 27 giugno era al cancello della Centrale. L’avv.Vitale chiede se in quell’occasione ha assistito al lancio dei lacrimogeni
Teste si, ero attaccato al cancello, insieme a Guido Fissore, sono sceso dicendo a lui “scendiamo, scendiamo”
Avv quindi ha subito il lancio di lacrimogeni?
Teste si, dato che ci hanno invitato ad andarcene e noi abbiamo detto no, siamo qui a resistere, e ho sentito il comandante dire “sparate” e in un attimo è stato….
Avv quindi lei si è allontanato dal cancello o è rimasto li’
Teste io sono rimasto intontito, era la prima volta che mi succedeva, non sapevo dove andare, poi un ragazzo mi ha aiutato, sono rimasto ancora li’ vicino nel frattempo  (troppo brusio, non riesco a seguire, sorry).Sul 3 luglio racconta che al mattina si erano trovati ad Exilles, poi avevano deciso di andare verso la Ramat. La composizione della manifestazione era mista, c’era di tutto, donne, uomini, giovani, anziani.
Teste: sono sceso giù verso la Chiesa, sotto.. verso l’area museale, da quel sentiero li’ andavi a finire dalla parte della cantina, subito più spostato c’era tanto fumo, io sono quasi arrivato li’ vicino però poi hanno iniziato a sparare dove mi trovavo io perché il sentiero era stretto e ci siamo un po’ allargati, poi si sentivano i colpi, io non sono un coraggioso e ho cercato di ripararmi
Avv ha visto gente ferita?
Teste io avevo difficoltà a respirare, mi son sentito chiamare da qualcuno, “Mimmo, Mimmo, accompagna su questo ragazzo” e c’era un ragazzo che poi mi hanno detto che era veneto, che aveva l’asciugamano e dopo ho visto l’orecchio mezzo massacrato che perdeva sangue, poi è arrivato un altro con la testa massacrata che perdeva anche lui sangue, poi ho usato una bandiera che avevo nello zaino per tamponare e li ho accompagnati perché camminavano male, al veneto l’ho tenuto sotto braccio, mi hanno detto di essere stati feriti dai bossoli dei lacrimogeni
Avv quando li ha incontrati avevano indosso maschere o elmi?
Teste no, in quel momento no
Avv e dove li ha accompagnati?
Teste sono andato su, è stato lungo e faticoso, siamo arrivati fino al lato della chiesa che c’è alla Ramat e li’ c’erano già altre persone che venivano medicate, 2 o e, poi ne sono arrivate altre, c’erano dei volontari poi ho saputo che erano infermiere, dottore, che davano il primo soccorso. Sono stato a guardare un po’ poi la scena di sangue mi ha fatto impressione, c’era un lavatoio e sono andato a sciacquarmi e riposarmi, poi sentivo il dovere di sentire cosa succedeva non so perché ma sono ridisceso di nuovo giu’ per il sentiero, dopo un po’.  Sono arrivato non come prima, vicino, perché il fumo era tantissimo.. vedevo in mezzo al fumo il fabbricato ma non vicinissimo,
Avv si è fermato molto?
Teste no, mi sono fermato un po’ tenendomi il più possibile al riparo dove c’era un po’ meno gas, ho cercato di andare .. ma non ce la facevo… per un pezzo nella direzione, ma tenendomi ancora in quella zona li’
Avv ed è arrivato poi a Ramat?
Teste mi sono trovato con altri due amici, conoscenti di Bussoleno e nel risalire c’erano due.. perché nel frattempo era defluita la gente, due che si erano un po’ persi, erano di Torino, ho detto vieni con me fino al paese poi di là scendiamo quindi abbiamo rifatto la salita da capo , come sono arrivato c’era una signora del paese, una casa, che ha cominciato a gridarmi “via, andate via che picchiano”, però ho capito che picchiano, cioé, eravamo noi, poi c’era un pizzico di terrapieno… e allora ho visto uomini in antisommossa, non sono certo, mi sembravano della finanza, con i manganelli, e i ragazzi che erano li che avevo lasciato seduti per terra che correvano da tutte le parti, davano l’impressione che stessero caricandoli, per paura allora sono sceso, ma per non riprendere il sentiero.. ci siamo messi a correre come si poteva verso la montagna, cercando di raggiungere Chiomonte ma è stato faticoso perché non c’è sentiero, c’erano terrapieni, rovi, sono arrivato fino a dove ci sono quei due tubi di acqua che vanno giù alla centrale, sono enormi, pensavamo di salvarci di là ma non siamo riusciti a passarlo perché era pericoloso, quindi ci siamo fermati li’ vicino ad aspettare, abbiamo preso il sentiero dicendo aspettiamo che si liberi per uscire, poi quando stava venendo buio, era tardi, ci sembrava di essere al sicuro, ci siamo incamminati da capo, c’è stato un bel po’ di tratto di strada. Quando siamo arrivati nelle vicinanze della Ramat… eravamo convinti ci fosse ancora li’ polizia, invece poi i due signori che abitavano là i due anziani ci hanno detto “andate, non c’è più nessuno”, ci hanno visti nel loro cortile e ci hanno detto “andate che sono andati via tutti”
Avv quindi avevano atteggiamento protettivo nei vs confronti?
Teste si, anzi, ci hanno dato dell’acqua..

PM Quaglino: Vorrei tornar un attimo… lei prima ha detto che si è trovato vicino al signor Fissore
Teste si, ero vicino
PM In che luogo e a che ora?
Teste abbiamo fatto la fiaccolata la sera prima, poi abbiamo deciso di fermarci al campeggio perché sembrava che arrivassero x lo sgombero, al mattino presto ci siamo recati al cancello della centrale e li’ davanti attaccati al cancello si era deciso di metterci noi, anziani, donne, la fascia più debole pensando che la polizia avesse più riguardo… Guido Fissore era salito un po’ su, io anche avevo fatto quello…
PM Ha visto se Fissore ha fatto qualcosa?
Avv Vitale c’è opposizione, la difesa non ha chiesto nulla su questo e non è capitolato su queste circostanze.
Il Presidente non ammette la domanda.

Entra il teste Varrese Ermelinda. IL 3 luglio è partita da Giaglione, arrivata alla baita insieme ad altre donne è andata subito verso le vasche, si è avvicinata alle reti dove c’erano le fdo e sono state allontanate decisamente dagli idranti, sono uscite da quell’area cercando di tornare alla baita, percorrendo una discesa..
Avv. Colletta subito dagli idranti cosa vuol dire, c’era qualche ragione?
Teste la ragione era che eravamo un gruppo di persone che ci siamo avvicinate alle reti e probabilmente ci siamo appese alle reti, con slogan, solo avvicinate fisicamente come era nelle intenzioni di tutti, cercare con la nostra presenza fisica di osteggiare quello che avevano fatto.
Avv eravate per lo più donne?
Teste si, si . Siamo state ricacciate subito indietro e abbiamo iniziato a stare male perché oltre agli idranti hanno lanciato subito i lacrimogeni, penso che arrivassero da dentro il recinto, dietro le vasche, dove già siamos tate colpite dagli idranti…  Durante la fuga verso la baita che ci sembrava un luogo dove era ancora presente la massa delle persone, incrociavamo quelli che salivano, perché noi siamo salite per andare a vedere, c’erano persone che salivano e che scendevano tutte in difficoltà, ho visto persone accasciarsi perchè non avevamo nessuna protezione e i lacrimogeni erano pesanti da sopportare
Avv numericamente nel gruppo quanti eravate?
Teste penso 10-20 persone
Avv puo’ specificare meglio i sintomi che lei ha visto?
Teste intorno al 10 giugno io avevo subito un intervento chirurgico quindi forse ero più in difficoltà avendo subito un intervento allo stomaco, per questa ragione sono andata subito verso la baita per cercare un luogo dove potessi respirare e insieme a me molte persone, soprattutto le persone più anziane, con questo lancio continuo di lacrimogeni eravamo tutte spaventate e anche in difficoltà fisica perché non si respirava. Dopo che siamo arrivate alla baita li’ ci siamo sentite un po’ più in salvo, se non altro perché eravamo insieme a tutte le altre persone, eravamo migliaia di persone, queste persone sostavano ancora li’… eravamo fino sotto i piloni dell’autostrada, dove poi si passeggiava e si cercava di seguire quello che succedeva con molta difficoltà perché i lacrimogeni arrivavano anche sull’autostrada, vedevamo persone che miravano e tiravano, verso gruppi di persone
Avv non erano lanci a parabola?
Teste no, e tiravano anche le pietre… il lacrimogeno si individua perché fischia ma una pietra arriva senza preavvisi
Avv per quanto lei ha visto in maniera diretta, ha assistito personalmente al lancio di lacrimogeni ad altezza uomo?
Teste si, si certo.
Avv ha assistito personalmente al lancio di pietre?
Teste personalmente no
Avv le è stato riferito che fossero state lanciate pietre?
Teste si, di fare attenzione ai lacrimogeni e anche a pietre cadute nei dintorni di questa zona dei piloni, anche qui piena di fumo di lacrimogeni, si respirava male anche alla baita
Avv c’erano comportamenti di carattere aggressivo da parte le persone sotto il viadotto?
Teste non vedo che aggressività potessero dimostrare le persone li’ circondate da fdo anche dall’alto, una situazione di rabbia e di dolore…. La mia giornata è proseguita credo come quella di tutti, siamo rimasti li’ perché arrivavano persone ferite, la baita è diventata un piccolo ospedale civile, ho visto persone sanguinanti, persone colpite direttamente da lacrimogeni, persone messe molto male e poi con questi problemi respiratori che si aggiungevano a qualsiasi altra difficoltà, c’erano persone tra di noi che sapevano prendersi cura, non so se fossero medici o infermieri ma erano in grado di fare i primi soccorsi, dandogli anche acqua o maalox per lo smaltimento di questi veleni. Sugli orari non saprei, la giornata è stata lunga e campale, sicuramente era mattina ma siamo andati avanti fino al pomeriggio…
Avv lei si è poi allontanata dalla baita?
Teste siamo rimasti li’ fino a quando ce ne siamo andati tutti, ho seguito le persone con cui ero andata, come il nostro motto “si parte e si torna insieme” ci siamo allontanati tutti quando la giornata si era conclusa in modo cosi’ pesante per noi.
PM NESSUNA DOMANDA

Avv.Bertone: lei ha riferito di aver visto direttamente lo sparo dei lacrimogeni, ora le mostro un video..  è un video prodotto dalle difese, opportunamente scomparso il nome del file cosi’ non può influenzare.. mi sa dire se riconosce questa zona?
Teste non è facile riconoscere….
Avv mando avanti il filmato..
Teste quello è il viadotto dell’autostrada e noi eravamo proprio sotto il viadotto, si vedeva benissimo quello che succedeva sopra, tutta l’autostrada piena di mezzi e uomini…
Avv i lanci partivano dal viadotto?
Teste si, tant’è che sono partiti da sotto parecchi cori verso quelli che lanciavano da sopra… sparavano in basso, non in alto…
Avv nel video non si vede ma sotto cosa c’era?
Teste all’epoca c’erano prati, e nei prati c’eravamo noi
Avv lei ricorda di un manifestante colpito?
Teste in quel momento no, arrivavano molte persone ferite….
Avv lei ricorda se qualcuno dei manifestanti abbia detto se era stato colpito da…
Teste no, arrivavano in pessime condizioni psicologiche, cmq c’erano difficoltà a respirare persino nella baita non si respirava
Avv lei ricorda i bossoli?
Teste si, ne sono arrivati a centinaia, erano di metallo, sembravano quei lumini che si portano dai morti, alcuni erano più lunghi e ci hanno detto che erano quelli a grappolo, abbiamo iniziato il linguaggio da guerra.. nei giorni abbiamo raccolto kg di lacrimogeni, li abbiamo portati anche alla sindaca di Susa, al sindaco Pinard
Avv e cosa vi hanno detto?
Teste niente.
Avv Vitale: i lacrimogeni arrivavano anche da sotto?
Teste quando io sono andato alle vasche non sparavano da sotto, hanno iniziato con idranti e lacrimogeni quando noi ci siamo avvicinati a queste reti
Avv ma quando voi eravate li’ vicino
Teste sparavano da dentro
Avv le farei vedere delle immagini… qua ci sono fdo che sparano lacrimogeni (sparo teso).. erano questi i lanci?
Teste si, erano questi

Il Presidente chiede di portare a 20 nomi i convocati per l’udienza del 27 maggio, la difesa chiede 5 minuti di pausa per organizzarsi con i colleghi fuori torino.

Simonetta Zandiri  TGMaddalena

Comments are closed.