img-20150909-wa0001

Domenica scorsa nel pomeriggio un gruppetto di reclusi dopo aver scavalcato le recinzioni ha tentato di scappare dal CIE di corso Brunelleschi a Torino; qualcuno è stato ripreso ma due sono riusciti a farla franca. A nostra memoria era dal 1 gennaio 2012 che non c’era un’evasione dal centro di Torino, nel quale i lavori di ristrutturazione purtroppo proseguono a dispetto di mozioni comunali e regionali che ne chiedono la chiusura.Intanto i reclusi tra le varie proteste hanno anche scioperato contro la qualità del cibo condito con vermi servito dalla ditta barese Ladisa Ristorazione,  ( qui il sito della LADISA SPA) colosso del settore con una filiale a Torino e un appalto per le mense scolastiche della circoscrizione 4. Per denunciare la complicità di Ladisa nella gestione del CIE c’è già stata la diffusione di un volantino davanti ad alcune scuole torinesi, come accadde nel 2009-2010 quando il ristoratore era Camst. La mobilitazione si appresta a continuare, mentre quanto prima verrà promosso un presidio sotto il CIE.

Qui la diretta con Andrea di Macerie:

Fonte: Radio Blackout 105.250 FM » Le fughe dal CIE e i vermi di Ladisa Ristorazione

Il comunicato della LADISA sul volantinaggio a Torino “Ladisa Spa ha presentato ai Carabinieri di Torino una denuncia contro ignoti segnalando un volantinaggio operato davanti alle scuole del capoluogo piemontesse da parte di non meglio identificate persone il cui intento è quello di screditare l’azienda diffondendo notizie false circa i pasti preparati per il Cie di Torino.”

Simonetta Zandiri – TGMaddalena.it

Tags:

This article has 2 comments

  1. Articolo interessante su Ladisa SPA: “Rai, mensa e bar a Ladisa Spa
    E spunta il menu antimafia
    La holding barese si è aggiudicata la gara d’appalto per 54 milioni. Tra i punti di forza i piatti composti da alimenti provenienti dalle terre confiscate alla criminalità organizzata”
    (…)
    “Alcuni di questi prodotti saranno venduti anche all’interno dei bar Ladisa spa – azienda facente capo ai fratelli Sebastiano e Vito Ladisa – «che attualmente – è detto nella nota – opera in oltre 450 impianti in diverse regioni italiane, svolgendo il servizio presso numerose istituzioni statali, tra cui il ministero per gli Affari esteri e la Cooperazione internazionale (Maeci), ministero dell’Interno, Comando generale dell’Arma dei Carabinieri, Comando generale della Guardia di finanza, e presso numerose scuole e ospedali. Al suo attivo ha oltre 11 milioni di pasti all’anno e dà lavoro a 2.500 dipendenti».
    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/cronaca/15_settembre_10/rai-mensa-bar-ladisa-spa-spunta-menu-antimafia-21c27048-57a7-11e5-9f21-fc28cacbad61.shtml

  2. Un anno tutto in salita per Ladisa che si aggiudica anche il servizio in RAI, ” Il valore di aggiudicazione dell’appalto è di circa 54 milioni di euro per tutto il quinquennio (poco più di 10 milioni annui) e riguarda, oltre al servizio mensa, anche la gestione dei 15 bar e dei distributori automatici.” anche qui pare abbia contato molto il menù sottratto alla criminalità…
    http://www.vendingnews.it/lappalto-ristorazione-della-rai-ladisa-spa/