ConfStampaSusaSusa, 27 Settembre 2013, conferenza stampa indetta dal comitato NO TAV SUSA MOMPANTERO presso il presidio Gemma delle Alpi a San Giuliano.
Introduce la conferenza Doriana Tassotti, storica attivista del locale comitato, denunciando il clima di tensione creatosi a Susa tramite un volantino firmato da sedicenti “Disoccupati della Val di Susa” in cui lanciano gravi minacce ai vertici del movimento, e da atti vandalici subiti dalle auto dei NO TAV. Sono state raccolte oltre 2000 firme al momento, contro la militarizzazione e presenza delle forze dell’ordine a Susa e la raccolta continua alla luce del sole, a differenza di chi lo fa loscamente porta a porta per motivi contrari,
A seguire un intervento di Walter di Cesare, anche lui dello stesso comitato, in cui denuncia le gravi irregolarità delle ditte locali coinvolte nei lavori del cantiere.
Infine Alberto Perino, che in mattinata ha subito la seconda perquisizione della sua abitazione, accusato (pare) di istigazione a delinquere, sembra che il motivo della perquisizione, ordinata dai pm Rinaudo e Padalino, sia legata alla diffusione sul web di dati sensibili riguardanti le targhe di alcuni mezzi operanti nel cantiere. Da una visura effettuata via web (pagando di tasca propria con carta di credito), al PRA (pubblico registro automobilistico), sono emerse molte “stranezze”. Un mezzo operante nel cantiere risultava in fermo amministrativo in seguito al fallimento di una delle ditte, e un altro risultava addirittura rubato, senza contare che mezzi del valore di molte decine di migliaia di euro, risultavano acquistati per pochi spiccioli.
Chiude la conferenza la Tassotti, con l’intenzione di proporre al coordinamento dei comitati, una grande manifestazione a Susa entro la fine di Ottobre o l’inizio di Novembre.

Comments are closed.