A Chivasso serata di confronto elettorale tra i candidati a sindaco organizzata e moderata da La Nuova Periferia, quotidiano locale.

[ qui la diretta streaming completa ]

SAM_0535

Argomenti di vario genere, dal Bennet di nuova apertura al caso Chind fino alle discariche. Non una parola sulla ‘ndrangheta. Perché a Chivasso la ‘ndrangheta non esiste, cosa che appare evidente quando viene esposto uno striscione di più di tre metri con la scritta “La ‘ndrangheta uccide – il silenzio è complice”.

SILENZIO.

Qualche brusio dal pubblico, qualcuno si avvicina con la tipica domanda “chi siete?” e ottiene la risposta: individui. “No, siete un’associazione”… No, individui. Basta un telo, un pennello e un po’ di vernice. Beh, forse ci vuole anche un pizzico di coraggio per cercare di affrontare un tema scomodo.. Coraggio che non ha nessuno dei candidati, neanche il nuovo che avanza (Marco Marocco, M5S) e meno che mai i moderatori de “La nuova periferia” che proseguono su temi vitali come le multe e le colonnine sos che non funzionano…. e che dire dei campi sportivi senza spogliatoi?”. Forse lo striscione è invisibile?
SILENZIO
Anche quando lo striscione si sposta, passa sotto il palco per poi lasciare la sala. D’altra parte, nonostante la questione sia basilare e centrale nel (e del) contesto politico, questa omertà si è già vista in occasione della serata del 15 febbraio  a Torrazza Piemonte quando, nonostante gli inviti rivolti ad associazioni ambientaliste e realtà istituzionali, il silenzio ha regnato (e c’è chi si è spinto oltre, boicottando la serata).
Prima di uscire non poteva mancare un saluto da chi ostinatamente per oltre 45 minuti ha sollevato lo striscione: “Grazie per il vostro SILENZIO”.
Già, perché la ‘ndrangheta uccide e IL SILENZIO E’ COMPLICE.
Cartoline da Chivasso. #SenzaSperanza

Qui il video:

 

This article has 1 comment

  1. A Chivasso 4 candidati a sindaco su 5, hanno avuto a che fare con l’ex Udc ‘ndranghetista Bruno Trunfio, Il 5°, Marocco all’epoca non era ancora sceso in campo. Se i candidati a Suindaco e le liste che li appoggiano hanno avuto rapporti con certi personaggi è chiaro che il silenzio è d’obbligo. Mi ha colpito molto il silenzio tombale, quando si è parlato di discarica, sul ruolo di Vietti a propositodi Waste
    https://www.milanofinanza.it/news/waste-it-cda-si-dimette-cda-vietti-nuovo-presidente-201703162000001845